I miei amici poeti

POESIA.jpg


 

                  FLAVIO BALLERINI

                  Pesaro – (1950 – 2006)

 

                  [da: “Emozioni maldestre”, 2007]

 

                  ---

 

                  AD ANDREA CROSTELLI (sulla “balena bianca”)

 

                  Quelle navi per un attimo in aria

                  sospese nel fluido canale chiaro

                  d’altro tempo e mondo le vele bianche

                  sopra e attraverso la gioia il dolore

                  la passione piena di ogni colore

                  forte di fiaba di memoria e infanzia

                  Dove ti porta la balena bianca?

                  ma cosa gridano quei neri alati?

                  apre varchi colorati del sogno

                  e vedi che permane e viaggia

                  lungo un aperto altrove

                  tutto pieno di grazia nel colore

                  che danza e che ti…chiama

 

                  Flavio

 

                  *

 

                  Da qualche onirico terrazzo bianco

                  stazione ottica dei sogni aperti,

                  ancora ritransitabili a notti

                  inoltrate su crocevia

                  ove solo il soprassalire muta,

                  quei bianchi terrazzi ov’ero lì e altrove

                  insieme, affacciato su altri sogni

                  immortale e in medesima luce

                  nel lieve stupire primaverile,

                  vissuti con la materia dei sogni

                  eppure ricordati come eterna

                  promossa felicità!

                  Vissuti davvero quando ritorno

                  sorpreso improvvisamente in balìa

                  inafferrabile intemporale.

 

                  30 marzo 2003

 

                  *

 

                  Grigio che confonde cielo e orizzonte

                  consuma la collina nel risucchio

                  del suo verde umido già digerito

                  dai moli di sera una rosa luce

                  lacrima oltre la campana velata

                  traspira sangue un cosmico delitto

                  per pochi minuti o un parto divino

 

                  *

 

                  Libero dentro il guscio e solitario.

                  Ho sentito tutti i miei cari morti,

                  mostratogli la fonte del disagio

                  come infelice fuori dall’intero –

                  fuori dopo la pioggia miagolava

                  come un grido di dolore nell’aria

                  mutata e dolce una gatta d’amore

                  lo strazio che non puoi non ascoltare

                  Non mi resta altro che essere presente

                  oggi dentro e dopo tutti i congedi

                  Sopra il ponte del Miralfiore l’aria

                  disse d’esser la vita del pianeta

                  oltre l’umano. Tutto muta e si può

                  uscire dalla propria forma un poco

                  e in quell’allora nell’oltre guardare

                  e accorgersi forse di un altro fare…

                  Umili e leggeri oltre il terribile

 

                  Flavio

 

                  *

 

                  Mai mi sono sentito così solo

                  Ed è una notte così bella nera

                  e luminosa di luna crescente

                  con tutto il cielo la stella più grande

                  si avvicina se la guardi alla terra,

                  l’aria è fresca e gli alberi della piazza

                  tremolano un’onda frusciante efferve

                  ovunque e il piacere di questi attimi

                  offre di starci insieme anche nel sonno.

 

                  *

 

                  Non si sa dove se ne sono andati.

                  Ed io non sono da allora più io.

                  Né confuso conosco quel che resta

                  nella scia di scomposti agglomerati

                  svaniti via, sol qualche monca memoria

                  qua e là nella geografia del vuoto

                  Appariva come una penisola

                  (ben ancorata a solida storia)

                  poi smisurabile fu il suo confine

                  ed arcipelago che s’allontana.

                  Per dubbie derive. Non sono più io.

                  Mi sembra un bel po’ che mi cerco.

                  Fu quando la corrente si raffreddò;

                  Ad est del golfo non c’era più sale

                  fiumi d’acque dolci scendendo dai poli

                  le primavere incerte svanivano

                  il ghiaccio avvicinava tutti i cuori

                  sorrisi si stampavano di pietra

                  sospesa come nel gatto di Alice.

                  Segni d’allarme, sogni suoni di chiurli

                  campane gufi inascoltati ed urli

                  furono disseminati nel tran tran

                  ………………………………..

                  Flavio

 

                  *

 

                  (Per Kostas Kariotakis)

 

                  Per compensare tutto questo sole

                  d’aprile leggerò un poeta triste

                  la cui luce diverrà meno tetra

                  più attutita la vacuità del giorno

                  Resterò con i versi come in chiesa

                  - anche se dinnanzi a un inquieto mare –

                  in attesa che lo spirito aleggi

                  e come in una sentita preghiera

                  un angelo delicato e deciso

                  aprirà il cuore alla più pura pietà

                  Questa è la carità che voglio offrire

                  alla spirale nera dell’anima

 

                  [finalista al Premio “Paesepoesia”,

                  Belvedere Ostrense 2005]

 

                  *

 

                  Pure come invisibile radice

                  sorprende ai varchi un puro domandare

                  ove l’alieno allea forma che muta

                  oltre il noto che si infissa vorace

                  cibo a perpetuare la stessa fine

                  l’uguale fuggire il Logos vivace

 

                  (a Felice Serino su “L’ombra”)

                  11 luglio 05

 

                  Flavio Ballerini

 

                  *

 

                  Non ricordo se riflesso dal vetro

                  o se fu folgorazione dell’ombra

                  o se vidi me specchiato dall’alto

                  per un istante nel limpido fiume

                  ricordo però la curva del cranio

                  le linee assorbite di schiena e spalle

                  io vidi ciò che mai prima non vidi

                  il profilo la posa in un unico

                  familiare ed estraneo interrogare

                  il mondo intero attorno

                  come la parte chiede al tutto cos’è

                  io vidi di mela formalo stampo,

                  vivo, fatto di antica attesa, forte,

                  come non fosse tutto quel che non è,

                  stampo dell’antico a sé, il doppio

                  il precedente

                  impronta emersa dall’ombra nell’ombra

 

                  *

 

                  Tutta la notte sogni ruotavano sulla poesia il poetare

                  Sono giunto là dove nasce il vento

                  alla curva del sogno

                  all’esterno pervade l’aperto

                  - da sopra le curve degli alberi

                  nell’inoltrato rimbomba

                  in altro modo il tempo

 

                  dicembre ‘01

 

                  *

 

                  Fra qualche grado del terrore

                  di sapersi mortali

                  e la meraviglia di essere vita.

                  Amare come vincere la morte

                  silenti in viaggio dentro lo stupore

                  - ehi! ce l’ho fatta! non sono caduto! -

                  verso il sorridere il respiro

                  entro l’inquieta memoria dei mali

                  Nell’assenza dove l’io scompare

                  come protezione si custodisce

                  la luce viva del sognare…

 

                  26 ottobre ’05

 

                  Flavio

 

                  *

 

                  Poesia

 

                  per viaggiare nella parte destra

                  gettando ponti dall’inconscio

                  a centottanta gradi l’arco

                  teso a raggiungere la sfera

 

                  17-11-05

 

                  Flavio

                  

                   [Ricordando Flavio]

 

                  Se io posso dirti son io ascoltami

                  sono innamorato del tuo ascolto

                  e della tua vera voce

                  E tu mi dici che la tua vera voce

                  non è quella vera ma una fra le tante

                  Io so che rideremo insieme

                  e la risata risalirà i sensi

                  come il suono di una cascata

                  su per le valli dell’Acquacheta

                  anche gli abissi

                  rideranno

 

                  (versi di Flavio Ballerini)

 

                  *

 

                  Bibliotecario, filosofo, libraio nel campo delle teorie e

                  terapie olistiche,

                  poeta, scomparso improvvisamente il 3 dicembre 2006

                  pubblica nel 2001 "Versi licantropi" che raccoglie poesie e

                  prose e che diventa,

                  in collaborazione col musicista Michele Donati uno spettacolo

                  teatrale e un CD.

 

                

                 GIORDANO GENGHINI

 

                  Altri ritorni

 

                  1.

                  Sarà forse domani: con un fioco

                  soffio di mani: un fuoco

 

                  di specchi spenti: accanto a me rimani

 

                  ancora un poco

 

                  in questi specchi della pioggia, strani

                  volti degli anni e dei millenni, persi

 

                  come in gorghi notturni gli universi

                  dissolti: e il vuoto inganno degli inganni

                  ora al ricordo riconosce fine

 

                  di suono sordo divelto: e il segreto

                  è in noi sepolto tra venti e rovine.

 

                  2.

                  Navi d’unghie di morti: arcobaleno

                  infranto: lunghe prore luminose

                  nello scroscio dei raggi chiari, ed acque

                  e radure di mari

 

                  tra steli d’oro: e d’improvviso il soffio

                  di cieli e stelle dall’immenso molo

                  libera l’universo:

 

                  minuscolo, sul palmo della mano

                  bianca, insetto di brina: nel mattino

                  fragile, al volo.

 

                  3.

                  Astrali azzurri nomi, luci fatue,

 

                  petali tenui di rumore: graffi

                  di gesti, esile traccia

 

                  sulla pista magnetica del nastro

                  assente:

 

                  grecaggio della mente: e in fogli strani

 

                  virati soli, corpi d’aria, voli,

 

                  nidi di mani in alberi di veli.

 

                  4.

 

                  Polvere d’astri limpidi e pianeti

 

                  negli universi: rete

 

                  d’aria labile, d’orme

 

                  s’intesse nel respiro e spersa smaglia

 

                  il campo delle forme, nell’arena

                  di infiniti confini: oltre foreste

                  di mari e di pensieri, scroscia tersa

                  e svanisce tra le onde la risacca

                  delle cose: l’immagine stupita

 

                  di germogli di stelle: e oscilla, pulsa,

                  vacilla,

 

                  viva fiorisce in cieli ed antri d’albe

 

                  e giorni, voce chiara: ed oltre stormi

                  d’orizzonti e frastuono d’ere, s’alza

                  brezza di luce in neri spazi: ed ombra

 

                  tra selve d’ali e suono nasce e muore

 

                  di ritorni, di un cuore.

 

                  5.

 

                  Lampade d’erba, e luci, e forme, ed ali

 

                  di foglie, ferme:

 

                  dissolti solchi di zolle racchiuse

 

                  in corpi, e bianche orme,

 

                  e nella notte lenta transumanza

                  d’astri gelidi e nuvole, attraverso

                  fiumi di spazi e valli d’universi

 

                  celate: anse del tempo ossa di vento

 

                  imprigionano in gesti: e freddi suoni

                  divelti

                  da sordo legno intorno: da millenni

                  un volo

                  d’angeli e antiche vite, in muto stormo

 

                  per i cieli,

 

                  ove dorme nel sorriso

 

                  la fonte del pensiero: morta al giorno

 

                  dei lampi

 

                  la luce gonfia: e dall’azzurro sole

                  notturno, d’improvviso ai campi irrompe

                  sgorgando dalle vene dei sentieri

                  la cavalcata degli alberi neri.

 

                  6.

 

                  Spaurito, nel cerchio: intorno cerco

                  un’ombra luminosa nella mente

                  verde di limo ed onde: e un arco freddo

                  affonda e affiora, e ancora

 

                  affonda, e rete smaglia, e serra il varco

                  tra pensiero e respiro: e lento ascende

 

                  al niente, mentre il giorno si fa sera:

                  sbagliava, primavera.

 

                  7.

 

                  Pingue nebbia di noia: nervature

                  d’ombre lunghe: ritorto

 

                  albero sopra la pietraia: adunca

                  l’unghia della radice

 

                  raschia il fondale oscuro della mente

                  e affonda, e in linfa langue sconosciuta

 

                  -umido giunco timido allo stelo,

                  esile trama d’alito- e la foglia

                  dall’immobile riva, in bianco gelo

 

                  a pena viva,

                  tra rami neri appare: e trema, e cela

                  sguardi, e il volto specchiato: e d’altre foglie

                  infinito ricamo, labirinto

 

                  d’ignoto velo: il corpo della notte

                  in verde cielo.

 

                  8.

 

                  Baia dell’ombra chiara: verde nave

                  se n’è andata, la vita: ieri, ancora

                  creta di risa spente: onici vaghi

                  di volti: ed ora, nera

                  presenza d’astri serici, riflessa

 

                  sopra il mare del corpo: e s’innamora

                  di spazi interminabili la sera

 

                  pallida di paura, ed alta sorge

 

                  la vetrata confusa, e in prati d’ali

 

                  sottile specchio di fiati scolora

 

                  al tocco delle dita: e presa, chiusa

                  nella gelida gola, nella roccia,

                  la voce attende il dono, la parola

                  rubata: squarcia l’anima sdrucita

                  da forbici di refoli di vento:

                  strappa forme la terra, sole il sole

                  nella cala delle ombre, dove cala

                  la tenebra: ove l’osso

 

                  perora il volto bianco della mente

                  e le file di denti morti: pietra,

 

                  teca, cristallo freddo e muto, niente:

                  tetro, il cialtrone intona uno starnuto.

 

                  9.

 

                  Nodi di fredda seta e d’oro fuso,

                  nodi di nervi e chiodi ed urla e frodi

                  all’improvviso sciogliersi: confuso

                  aggrovigliarsi, forse,

 

                  di momenti e di menti:

 

                  ma intrecci di respiri, e anelli, e corse

 

                  nel teatro di verdi reti: e un drago

                  liquido lento emerge dai sentieri

                  del vento

 

                  nella fossa: ma tonfi d’acqua e brago

 

                  nel lago dei pensieri, e suoni gonfi

                  nell’aria grigia: nodi d’intricate

 

                  gomene: ultimo segno

 

                  di navi e vele e cancellate tracce

                  di presenze: ma non voli leggeri:

                  passeri neri nel cerchio di legno.

 

                  10.

 

                  Sussurri, vetri: cigolìo di stanze

 

                  distanti: nel deserto dello specchio

                  danze esili: e la toga

 

                  aperta che una mano obliqua lega

                  nel riflesso è persona, e ad arco piega

 

                  labile corpo assente, e nella gola

                  cavo legno di noce una parola

 

                  pegno di luce, ancora

 

                  deriva nella gora: lontananze

                  d’un segno ancora, ancora d’una voce

 

                  petali azzurri

 

                  nel prato nero: nei muti sussurri

                  ancora danze

 

                  di maschere velate di sembianze.

 

                  11.

 

                  La pelle è di metallo: tocca, è fredda

                  la bocca, e più non chiama, e lento scocca

                  vento giallo

                  d’ali chiare, il respiro: alle pareti

                  di foglie, l’universo nasce e muore:

                  e nell’intrico d’ore agita il tempo

                  i cieli e il mondo, e sciamano le immense

                  ombre del cuore.

 

                  12.

 

                  Tracce di mani, vortici di volti

 

                  tra piume di pensieri: ma di notte

                  salpano: ma sarmenti

 

                  e sterpi e funi e la morta parete

                  chiudono l’arpa nella quiete, dove

                  rete di suono smaglia e strappa bianca

 

                  mano di stoffa: e cadono comete

                  soffici, sopra l’isola

 

                  di ciottoli e di soffi

 

                  lucenti, e chiara pace: ma il gigante

                  azzurro, dentro l’antro d’aria, tace:

                  in catene di nubi avvinto, solo,

 

                  le lente onde non ode: e sono spente

 

                  le navi e il vento nel deserto molo.

 

                  13.

 

                  Del vuoto ancora il grido: nell’ovale

                  risonante respiri: prati neri,

                  sonagli d’aria e argento e ferro, e cupi

 

                  dirupi della mente

                  ingombrano i sentieri.

 

                  14.

 

                  Vedi? l’angelo ride soavemente

                  invisibile, in volo: in ombra lenta

 

                  fragile rete di colori e fregi

 

                  e rami e rado verde

                  sul volto tenue, oltre galassie d’anni

                  e cieli: e, sola, l’isola, nel solo

 

                  luogo vero presente, ora: quel volto

                  nel mare della mente.

 

                  15.

 

                  Dunque t’attendo: per l’appuntamento

                  nella nicchia di tenebra: le squame

                  torbide nei cunicoli di rame

 

                  oltre grida e silenzi, in morti morbide.

 

                  16.

 

                  Ombra di legno: strappa il velo, appare

                  d’improvviso: nel volo, nello specchio

                  ricerca d’aria e d’acqua, balzo zoppo:

 

                  universo-gabbiano in alto, cieca

                  fuga, rapida corsa oltre le stelle

 

                  d’ambra e granito:

 

                  ed ali aperte sul segno e l’intarsio

                  di forme, a squarciatuoni:

 


                  ricaduta sul vecchio

                  pavimento dei suoni.

                  17.

                  E la tua mano mi conduce: ancora


                  salvo: nell’aria candida, oltre il vento,

                  la porta lenta s’apre nella luce

                  musica, della voce: e nel respiro


                  calmo, ti sento.

                  18.

                  In gocce di cristallo le parole:


                  forse, i respiri: escursione veloce


                  furtiva, foglia, voce: liberata

                  fuggiva, forma viva.

                  19.

                  Il viso nella rete: smagliature

                  d’invisibili passi: bianche crepe


                  sulla parete: fra vicini volti


                  di specchi

                  e ferro dentro il ferro, cerca afferra


                  antica luce estinta, mentre il tempo


                  lo governa e imprigiona: invano atteso

                  invano attende un nome: ingresso, uscita


                  nel buio angolo bianco, ala indecisa.

                  20.

                  D’improvviso, ecco irrompono le immagini


                  e sguardi fra le porte

                  spalancate, infrangendo il nero vetro,

                  fra voragini gonfie: e ruota sorte


                  d’acqua, fuoco, aria, terra:

                  ogni risposta è ignota: e mai c’è morte

                  in questa guerra.

                  21.

                  Nel corpo imprigionata si dissolve


                  la voce d’aria chiara: oltre la chiglia


                  della luna, s’avvolve


                  nero limo salmastro:


                  e sopra il lume rovescia la sponda


                  e in strepiti di schiume affiora e affonda


                  nell’acqua: e sulla riva, la lucerna


                  rivela il freddo palpito degli occhi


                  spalancati: e la carta dei tarocchi,


                  cifra delle onde, segno


                  lastricato di mani, alla taverna


                  precipita sul tavolo di legno.

                  22.

                  Tu non sai cosa cela l’alta porta


                  rinchiusa: nelle stanze più profonde


                  dove l’alito è avvolto nelle squame


                  e la traccia di luce non conduce


                  che a radure


                  sorde: tu parli, avvolto nella scorza


                  del volto, della forza: ma non eri


                  nel recinto sepolto, dietro i neri


                  ricami d’onde: tu bonsai, ma parli,


                  forma conclusa: ma oltre le pareti


                  solo la tua domanda ti risponde.

                  23.

                  Sento il peso del corpo, e dure zanne


                  sorgono a un tratto nella gola: siedo


                  e segni vedo e cerchi in pietra, e attendo


                  l’urto profondo


                  del sogno oscuro: irrompe, è spento il mondo
                  nella sera che incede: e il cielo vola


                  spinto dal nero vento


                  tra false nubi: e sbuffi


                  di canto, e strane stoffe, e stretti passi


                  sul legno dei pensieri: oh! Il soffio attuffa


                  ciuffi e glifi di rose,


                  e in groviglio s’azzuffano le cose.

                  24.

                  Fa’ che non torni il giorno dai contorni


                  torvi: l’uscio si chiude, grigia grata


                  imprigiona la mente:


                  dov’erano le onde, sordamente


                  sciambrotta la belletta negra, e gridano


                  corvi, anime perse alla deriva:


                  oscilla nella stiva della notte


                  il vascello sepolto


                  nella rada… ma ora


                  ascolto ali ascolto mani ascolto


                  il ruscello ed ancora ascolto i verdi


                  coralli nella tersa acqua del volto


                  sconfinato: e le dita mi attraversano


                  e il bosco folto dei respiri ascolto


                  e foglie d’aria e sussurri: e si perde


                  fra monti in oro e azzurro


                  la parvenza del palpito: ossa e mura


                  di paura e di assenza


                  crollano: e immensa altura è cielo verde


                  dissolto: rispecchiato, il volto dura


                  nel mare d’erba pura, capovolto.

                  25.

                  Il gigante seduto: nella sera


                  stormi di luce fra le guglie grigie


                  della stanza, e silenzi


                  dentro l’ombra, nascosti:


                  e sguardi e suoni e falsi cerchi d’oro


                  tra siepi di velluto: like a bird


                  on the wire, tace, ascolta, è fermo,è solo


                  il gigante, di spalle: oltre le grigie


                  luci, intricate tracce di rumore


                  nella stanza:


                  e dischiude la mano il lento volo


                  oltre le tende e il tempo,a oggetti e spazi


                  confusi, nella stanza ingombra: e intanto


                  controluce, il gigante, in lontananza,


                  visto di spalle, è solo, è vecchio: obliqui


                  nella curva penombra, oltre lo specchio,


                  segni: immagini, forse, di un istante


                  presente, che non muta: forse, nera


                  nebbia distante.

                  26.

                  Sembianti inermi, valichi di specchi,


                  nuvole d’occhi, fermi


                  nei volti: mormorio stanco di maghi


                  e fiati di flauti


                  varcano i sogni folti: e cauti draghi


                  in vacillanti luci di voragini


                  chiare, e laghi d’immagini


                  in cieli capovolti.

                  27.

                  Oceani s’avviluppano irrequieti


                  nel sole, oltre le mani: la brughiera


                  … the moor


                  is dark: gelide reti nella sera


                  svanita intricano rami e pensieri


                  umidi, e l’aria spenta


                  incaglia strappa arronciglia: e le dita


                  la fossa d’acqua attende: al passo breve


                  fiorisce ghiaccio il prato, bianco d’onde.

                  28.

                  Semi di nebbia, nodi d’oro e fiamma


                  e onciali segni: mura alte di sogni,


                  lame di luce viva oltre la riva


                  nascosta: al sole correre, e negare


                  e la risposta,e l’ombra,e il cielo,e il mare.

                  29.

                  E invano cerchi il centro, invano cerchi


                  il varco in sogno vano:


                  la nave è morta foglia oltre la soglia


                  del niente,ed oltre il foglio è già la mano:


                  segretamente, in cerchi, guardi assente


                  fra specchi di metallo e nere danze


                  ripetute… non alberi d’argento:


                  chiome di fumo e maschere di vento.

                  30.

                  Riccioli verdi, eh, dici? e non capisci

                  se scherzi:

                  se, riccio aperto, lieto ti diverti


                  in brezze e in versi, o versi in frasche d’acqua,
                  in fontane: o in capriccio,


                  fruscìo d’uccello: guscio


                  sottile aperto, oh bello! e dietro l’uscio


                  riaverti:


                  credimi, cose strane,


                  spruzzi barocchi, verde


                  guizzi di crine alpestre:


                  occhi, trine, finestre.

                  31.

                  L’urto del vento lacera la vela


                  in ventagli di neve, e nella nera


                  luce scoscesa, beve


                  l’ombra fonda del sole: ed onde bionde


                  indorano ora i raggi: il fiato lieve


                  del giorno, ora rinato,


                  induce ad altri viaggi: ad un ritorno


                  oltre le porte


                  dell’oceano dei sogni, a navi e legni


                  di raggi d’oro, d’intrecciati steli


                  in luminose gomene ritorti


                  fra le sartie ed i veli: oltre le bolge


                  e i viluppi del porto,


                  dirupi, valli, gelo avvolge il sole


                  in bianchi nastri, e nubi strappa il vento


                  aggrovigliando i vertici dei monti


                  nell’acqua antica, in chiari


                  vortici: e soffia, e travolge strinati


                  relitti di tramonti, cieli ed astri,


                  tra spirali di mari.

                  32.

                  Ora le tempie sfiorano del tempo


                  stormi di luci


                  e il mondo tace, ed intendo sul volto


                  un ventar d’ali, ed al chiarore stanco


                  densi rami offre al volo


                  l’albero della pace: e di polito


                  argento ricamata alba riluce


                  ed ornano le notti


                  nubi di seta e d’oro: l’universo


                  s’apre, morbido, in musica infinita


                  e forgia forme


                  di resina forbita ed aria, e labili


                  orditi di lucenti filigrane


                  e d’azzurri velami: oltre la soglia


                  invisibile, s’apre e corpi schiude


                  tra lievi tracce


                  di luce immacolata, dove giace


                  l’ombra abbracciata al sole: dove dorme


                  nella nicchia, la voce


                  e dita brune tessono le foglie


                  e i germogli del cuore


                  dischiude in noi, donandoci monili


                  d’ultimi astrali voli


                  di nubi e seta ed oro e di respiri.

                  33.

                  Ecco, il mio vuoto colmano le immagini


                  vuote: ringrazio, antica sera, il dono


                  ripetuto, lo stampo delle voci


                  di maiolica fredda, il morto suono:


                  qui, nella mente, io abito, lo vedi,


                  amica: un sordo saio di pensieri


                  ricopre il corpo-mare: e la tua luce


                  arabescata, lucciola sul niente.

                  34.

                  Ma ora ascolto te, mia cara, amore

:
                  nella selva dei volti e delle mani


                  aperte: petali d’alito, stami

                  di lievi sguardi in fiore, e bianche perle


                  di sillabe velate: e nel vederle,


                  cieco, dorme stasera


                  il vento dei pensieri: ascolto voli


                  molli, di suono ed eco: calma attesa


                  d’accese luci, folli


                  soffi di sogni nell’aria distesa.

                  35.

                  E tu chi sei, che appari nella strana


                  bellezza umana? tu che pari vento


                  quando ti sento: e il lento


                  cerchio s’apre nel cuore: e nella mente


                  il dubbio tu riaccendi sull’oscuro


                  veto del tempo, oltre il muro ed il vetro


                  strinato del futuro: e taci, e ascolti,


                  e sciogli il velo che imprigiona i volti.

                  36.

                  Ritorna l’ombra della croce: a monte


                  cigola il ponte teso sopra il cielo


                  dell’istante, riaperto alle domande


                  e il segno eterno, minuscolo e grande


                  dell’universo, è lucciola alla mano…


                  Non mi seguire: non so come il mare


                  delle forme s’addensa in tempo umano.

                  37.

                  Suono di lente corse: nello specchio


                  invisibile, forse,


                  altre strette di forze, e fiati, e mare:


                  ma corazze di corde, nel volare,


                  imprigionano le ali: e il tempo morde


                  l’altra luna: nel secchio, dietro il tempio


                  di morbido metallo, occhio del niente,


                  la gabbia d’aria e ferro della mente.

                  38.

                  Ci rivedremo? v’ha accolto la sera,


                  cari: non forme o suoni, aria leggiera,


                  orme di luci spente nella vita


                  svanita, fiori ed erbe


                  che verde primavera in soffi sperde.


                  Siete svaniti: insieme, oltre la chiara


                  ombra del cielo: e vi ricopre il velo


                  sollevato sui sassi e le acque e i passi


                  del passato: tornati oltre le porte


                  che il vento d’oro ora chiude, e la morte


                  suona il dolce suo flauto, nel ritorno


                  della notte lucente, ala del giorno:


                  di voi mi resta un suono


                  assopito, di immagini: presente


                  nella pianura chiara della mente.

                  39.

                  Voglio restare accanto a te: non voglio
                  perdermi in canto giallo


                  fra rondini nel cielo di cristallo


                  spezzato: voglio toccare le mani


                  ed il volto, e la voce: ora, domani,


                  mentre il sole ritorna e erba di prato


                  germoglia: e nuovo è il tronco, lieve


                  trama di corpo, e verso il giorno viene


                  giovane,e già s’inoltra nella vita


                  il figlio da noi nato, e andiamo, insieme,


                  cercando una speranza senza fine,


                  tra grida di battaglie sul confine.

                  Sarà forse domani: dalla sera


                  si schiude un’altra notte: ora riposa


                  lo stormo inquieto di forme e di mani


                  che irrompono nel volto cancellando


                  i ricami dell’alito e le orme


                  di luce: è notte, ascolto


                  le sillabe del cielo, e le alte stelle,


                  e le bianche acque calme:ascolto il vento


                  ma è terra il corpo e trema, argilla nuda:


                  è cava tartaruga il tempo: dorme


                  su un azzurro guanciale nostro figlio.


                  E’ lontano cento anni il nuovo giorno


                  e un miliardo di secoli il ritorno


                  dall’esilio.

                  40.

                  Dimmi tu chi era in preghiera: chi c’era


                  nella luce tua prima:


                  dimmi chi c’era, prima del respiro,


                  nel mistero tuo vero


                  oltre il chiarore teso sulle soglie:


                  dimmi chi s’era celato, chi c’era


                  tra velami di foglie e rami e rose


                  di vita che destando forme e cose


                  s’aprì nell’alba nera: ombra di mani


                  bianche, in paziente attesa


                  di onde di primavera nel domani.

                  Monza - Maggio 1994 [edito in proprio]

                  ***


                   LA VETRATA NERA

 

                  Io sono colui che ascolta

                  nella notte

                  l’urlo interminabile

                  come un cane di tenebre alla luna

                  lungo i corridoi spenti

                  dall’alto i pini immani della notte

                  sul prato

                  la luce alta

                  sotto la finestra

                  del lampione

                  in contrappunto

                  la nenia il canto dell’uomo che muore

                  anima legata

                  da mille metastasi alla mente

                  ombra immane di pini nella notte

                  un animale ansima in agguato.

 

                  Punti di luce

                  nella città

                  suture

                  nel ventre immenso in agonia del cielo

                  stelle cadute

                  dalla vetrata oscura il grido sale

                  sull’asfalto nero

                  giunge fino alla notte di febbraio

                  spezzata dal vento

                  giunge fino ad un’altra primavera

                  in altra vita forse

                  e i pini

                  unghia d’asfalto nella luce obliqua

                  paiono immobili

                  ma attendono

                  come ogni notte

                  un animale ansima in agguato.

 

                  Punti di luce nera nella notte

                  suture

                  nel ventre immenso in agonia del cielo

                  e l’urlo della notte

                  che muore

                  i corridoi percorre un canto lento

                  il silenzio è conchiglia

                  dice il folle

                  non conosco il mio numero sai

                  ma ero un tempo forse una donna

                  forse

                  un tempo

                  un animale ansima in agguato

                  la notte non vuole morire.

                  E’ facile invece

                  dice il bambino

                  divorare il corpo ma non la testa

                  è facile invece

                  dicembre nascono funghi immagini e pensieri

                  divorare l’involucro di grigia spugna

                  e grida

                  certo è facile invece

                  dice

                  con gli occhi ciechi e pieni di paura

                  e nient’altro dice

                  e niente altro

                  e un grido

                  percorre i corridoi da sempre forse

                  il grido della notte che muore

                  legata da mille metastasi

                  al corpo della terra in agonia.

 

                  Pigiama azzurro l’ombra d’un gabbiano

                  lei è ritornata

                  per questi suoni noi ti ringraziamo

                  musica auricolare pianoforte

                  e silenzio

                  sopra il tessuto d’urla della notte

                  che muore

                  mentre i sogni camminano leggeri

                  oltre la soglia

                  ti ringraziamo

                  per il carcere infinito dell’universo

                  per l’anima la vita e questa radio

                  e la piccola lampadina accesa

                  sopra la vetrata nera.

 

                  Il tempo si dibatte

                  come pesce strappato dalle acque

                  ogni cosa ritorna

                  anche tu cara sei davanti a me

                  e ti amo come quel giorno

                  e tocco la tua pelle

                  tiepida e sottile

                  e ti amo

                  oltre la notte che urlando muore

                  oltre la vuota scorza della mente

                  e i sogni che abbandonano la soglia

                  e l’ombra immane in falsa luce obliqua

                  e l’animale in agguato

                  oltre le squame del tempo

                  che si dibatte sulla riva

                  del cielo capovolto e delle onde.

 

                  Pomeriggio

                  macchie di luce fra stroncati rami

                  gonfi di gemme

                  la giovane donna seduta guarda lontano

                  oltre i rami

                  gonfi di gemme che non cresceranno

                  e vede il sole alto sopra i muri

                  oltre i tre uomini

                  di spalle

 

                  Ma poi per chi la raccontava quella

                  dell’annegato che ti tira giù

                  e nel corridoio l’amica

                  parlando a brandelli

                  da qualche tempo

                  s’è immersa nel nulla

                  e sono scivolata dice

                  quella dell’annegato

                  sono scivolata

                  per chi

                  dice

                  la raccontava ci si scosta

                  per non precipitare nell’abisso

                  degli occhi

 

                  Si spappola il cervello dice l’altra

                  i passeri sul davanzale

                  e può durare un’ora un mese un anno

                  è un grido cieco è l’anima che muore

                  i passeri vi trovano briciole

                  ininterrottamente notte e giorno

                  di timore non c’è qui

                  alcun motivo

 

                  E i due parlano

                  vicini

                  giovani sotto il giovane sole

                  filigrane di passeri nel volo

                  quando la smetterai con questo scherzo

                  lei dice

                  e la brezza del desiderio

                  come le ali ai passeri le muove

                  i lunghi capelli.

                  Sono colui che mai ti ha conosciuto

                  ed antico di mille anni

                  è il midollo d’immagini sepolte

                  nel tronco dell’anima

                  t’indicavo ricordi?

                  scheletri di tralicci e gru metalliche

                  e le sere e le nevi e le acque e i cieli

 

                  E venne poi l’artefice con l’urna

                  e la cifra bizzarra

                  oltre i sentieri antichi e l’erba nuova

                  oltre grida lontane di corvi

                  oltre steli che tremano nel vento

                  e venne un albero tagliato

                  e venne il sonno.

 

                  Così va bene grazie

                  a ritroso

                  attraverso generazioni e secoli

                  erbe sfuggite al faticoso seme

                  i millenni le ere interminabili

                  per riapparire ora

                  al cielo nudo in questa primavera

                  maldestramente dipinto

                  col grande sole falso di cartone

                  così va bene grazie

                  il senso d’ogni cosa è chiaro ora

                  fermo stabilito

                  come l’ora del turno agli infermieri.

                  Io sono colui che veglia

                  quando il mio corpo dorme

                  io sono colui che esplora

                  la pioggia sull’asfalto bagnato dalle luci

                  io sono colui che all’ultimo fiume

                  accompagna la notte

                  e guarda

                  il pettine d’argento

                  il molo delle anime

                  le grandi navi che mai salperanno

                  sono colui che immobile sta dietro

                  la vetrata nera.

 

                  Giordano Genghini

                  (’85 – ’93)

                  POESIE DI ENRICO BESSO

                  S'ATTARDANO I CHIARORI DELLA SERA

                  S'attardano i chiarori della sera
                  ed è un incendio rosso il vecchio molo.
                  Giù alla marina l'aria è a pizzicotti,
                  ghiaccio a cristalli è il sale sulle labbra.

                  In questi tardi giorni di settembre
                  spiuma nell'onda l'ultima illusione,
                  quella promessa al buio sottomuro,
                  la fuga degli sguardi sul domani.

                  Pesa sul cuore questo mare scemo,
                  che prende e poi riporta ciò che ha preso,
                  pesa anche il tonfo sordo del silenzio

                  e questo vecchio immobile pontile.

                  Risillabo tra i denti piano un nome
                  e in me si muore l'ora della notte.

                  *

                  IN QUELL’ANDARE A STRUSCIO MURO D’OMBRA

                  In quell'andare a struscio muro d'ombra,
                  sfugge, tra un battito di ciglia e l'altro,
                  l'ora del giorno che si appresta a sera
                  e mi dolora, genuflesso, l'ansia
                  nel dormiveglia tra la pietra fredda
                  e l'incartare del sole in persiane
                  rigate a coltello dal vento.

                  Come
                  il muso del cane, che mi somiglia,
                  scompiglio l'ombra a questa vita morta
                  nel segno dei miei denti sulla mela.

                  *

                  LA MIA ISOLA

                  Confina a nord con l'orizzonte
                  l'isola che il male, a sud, lentamente
                  consuma
                  e all'onda, il gesto,
                  straniato anche Dio,
                  è un passo incerto alla battigia, stanco.
                  Riscatta il tempo, la sopravvivenza,
                  rabbrividisce al volgersi, la fine,
                  ché di perpetuo non esiste il moto
                  e nell'oscillazione è l'amarezza del domani

                  di quest'isola mia.

                  *

                  SMURO, A TRE PASSI DA UN’ORA QUALUNQUE

                  Smuro,
                  a tre passi da un'ora qualunque,
                  l'intrigo complice delle stagioni ormai perdute
                  e in questa vedovanza di sorrisi,
                  al gelo arato di rughe,
                  lascio le stoppie scritte a bordo pagina,
                  cariate da menzogne dolorose.

                  Oh possa io confondermi di nulla
                  migrando sulla rotta delle rondini,
                  oltre l'icona della sofferenza,
                  ortogonale a un tronco di carrubo.

                  *

                  DILAVA LA PIOGGIA DAI VETRI

                  Dilava la pioggia dai vetri
                  che già declina, obliqua,
                  l'ombra nell'incorruttibile sera,
                  dal ballatoio sul cortile.

                  Non sento il tuo odore da un anno
                  e prigioniero dei ricordi fiuto,
                  come un cane randagio,
                  ogni angolo del nostro letto.
                  Spengo la notte nei lampioni
                  di strade che non conoscevo
                  e il giorno mi sorprende vivo
                  col cuore appeso ad un bicchiere.

                  *

                  ABITO, PALUSTRE, LA CODA ACCESA DELLA LUNA

                  Abito, palustre,
                  la coda accesa della luna,
                  il semicerchio stillante
                  a graffiare la notte con le dita,
                  la polvere di stelle tra le cosce.

                  Ho scoperto la morte, bella!
                  - Vuoi forse fare l'amore con tua madre? -
                  E l'ho odiata. Poi, sono andato a spasso nel cervello,
                  attraverso il naso, l'occhio,
                  fino a palpare il sesso dell'ipòfisi,
                  orgasmo di una sega circolare.

                  Ora, sono così come mi vedi,
                  - un non vivo - e siamo in tanti,
                  ci diamo appuntamento al buio,
                  guarda, l'ultima a destra è la mia stella,
                  quella dove scrivo, vivo,
                  tutte le mie poesie.

                  *

                  LO SPECCHIO NON RIFLETTE PIU’ CHE GLI OCCHI

                  Lo specchio non riflette più che gli occhi
                  e smascherato il viso al giorno,
                  schivo, nell'estro di luce,
                  l'ansia rubata di soppiatto al buio.

                  Non puoi conoscere quel vuoto
                  - a richiamare con la mente un gesto
                  e abbandonarlo, vinto,
                  ché anche una lacrima è fatica -,
                  non puoi.

                  Hanno le mani piccole i bambini,
                  piccole mani ad inventare grandi sogni
                  sui vetri appannati di fiato,
                  la morte è altrove.

                  *

                  A FISSARE INDELEBILE NEGLI OCCHI

                  Di questo ferragosto - avanti un passo
                  lungo le diagonali in mattonelle grigiorosso sporco -
                  ricorderò la balconata a mare
                  e il cielo a picco nell'alga che si piega a cartapesta stinta
                  sugli scogli.

                  C'è l'agonia dell'onda lasca,
                  al ritirarsi lento dell'acqua,
                  in rassegnata attesa della fine.

                  - Clicco su pause, fermo immagine,
                  a fissare indelebile negli occhi questo istante. -

                  C'è un pò della mia vita
                  nel sale a scaglie che rimane.

                  Nell'aria a graffi e brividi, lontano,
                  a pelo d'orizzonte oltre lo sguardo,
                  la sagoma sfocata di una nave.
                  Sarà la vita che continua o forse
                  la vita che, passata, è andata via.

                  www.poetilandia.it
                  www.poetilandia.com
               
                  
                  

                  LUCIANO SOMMA

                  SERPENTI

                  Michel sempre sporco
                  Michel senza casa
                  Michel senza lavoro
                  Michel senza nessuno
                  Michel deve morire
                  per circa un quarto d'ora
                  in una rue
                  della Paris lumiere
                  un gran falò
                  ha fatto luce
                  all'ombra dei serpenti
                  vigliaccamente
                  anonimi striscianti soddisfatti
                  per l'avenue
                  ora Michel
                  da cenere
                  è già vento.

                  SU BIANCA E' CADUTA LA NEVE

                  Bianca sa che il padrone non torna
                  ma lo aspetta ugualmente
                  l'ospedale è a due passi da lei
                  come il cibo
                  che non vuol mangiare
                  perché la memoria sua è ferma
                  alla mano callosa ma buona
                  che le carezzava la testa
                  ed ora che resta?
                  A che serve il Natale
                  (perché sa, lo ha capito
                  guardando
                  un albero pieno di luci
                  ch'è festa)
                  se il suo amico più caro non c'è
                  eppure lo cerca caparbia
                  nel viso di ogni passante
                  ma l'odore di chi amava tanto
                  è ormai troppo lontano
                  l'aria attorno si è fatta di gelo
                  le si appannano gli occhi
                  su Bianca è caduta la neve.

                  * * *

                  CARLO MOLINARO

                  Al ristorante economico
                  Dal bicchiere di plastica trasparente
                  illuminato da una lampadina
                  l'acqua del rubinetto fa riflessi
                  chiari sulla tovaglietta di carta
                  azzurra con pubblicità stampata.
                  Non c'è bisogno di cristalli di Boemia
                  né di candele profumate
                  né di tovaglie di pizzo o di liquori.
                  la meraviglia che sempre sogna è dentro
                  l'occhio-pensiero, l'anima che guarda.

                  Torino, 19 agosto 2000

                  *

                  PAUSA

                  Più prosegue la vita, più mi scopro
                  in balìa delle cose. Forse l'io
                  è davvero zavorra da lasciare:
                  non resterebbe, allora, che tacere
                  nell'attesa fiduciosa di ciò
                  da cui la mente fugge inorridita.
                  E' solo un'ipotesi come un'altra.
                  Ci sono tante cose che non so.

                  * * *


                  TERESIO ZANINETTI

                  (1947- 2007)

 

                  MI APRIRO' IN DUE

 

                  Mi aprirò in due

                  come guscio di ramarro alla frontiera

                  nel rigonfio del vento, parentesi graffiata

                  sul prepuzio dei miei sogni rapaci

                  che già morte pregustano indolore

                  Mi aprirò in due e sarò in un libro nudo

                  di bufera il precipizio

                  mentre cancella solchi d'abracadabra

                  la vecchia cornamusa avventuriera

                  Mi aprirò in due, brivido mai raggiunto

                  al culmine del coltello

                  nel centro del cranio

                  Io, come tutti come nessuno

                  alla foce del capitale

                  consegnerò la scorza della storia

                  Mi aprirò in due per non essere Uno

                  che ancora pensa Trino. Col coltello,

                  per mostrarti quanto sei lurido,

                  io mi aprirò in due

 

                  *

 

                  A questo non m'abituo

                  (Leggevo il tuo profilo esangue nei libecci

                  arrancando tra gladioli e fiordalisi

                  dentro i covoni della morte in panne):

                  questa luce falsa gli occhi, tradisce

                  bisogni e pazienze, stronca

                  sul nascere bocci – a questa luce

                  dai lividi brulli non s'abitua

                  il liso ricordo del domani in croce.

                  (Leggevo le tue rughe nei cristalli tintinnanti

                  assaporando intrecci mozzati di mani giunte

                  nel girotondo degli scorticati vivi) –

                  Forse era Natale o Capodanno, viziate

                  di droga capitalista le famiglie serravano

                  pance e manette (panettoni, anitre all'arancia

                  figli & figlie parenti stretti al collo

                  da gustare al dente)

                  - forse era l' altr' anno o non ancora.

                  Sta di fatto che a quest'aria di morte non m'abituo

                  Mentre il boia sorride con piacere automatico

                  ancora la mia mano rifiuta dovute tenerezze.

                  Sto con le mie prigioni dentro il piombo

                  del mio corpo stretto. Sto.

                  Non so come né quando. Sto.

                  Con il cranio dell'odio di classe. Sto.

                  In un mattino disatteso e stanco

                  qualcuno esplorerà il relitto

                  delle ossute gimcane a piedi freddi.

                  A questa maturità che selvaggiamente delicata cresce

                  solo un grido – domando – di vendetta e di riscossa,

                  dolce e tremendo come il dolore

                  nel tuo profilo esangue, trasparente, vivo.

 

                  

 

                  

 

                  GIORDANO GENGHINI

 

                  I.

                  Distesa sul mio cuore, l'anima mia respira.

                  Sul volto della foglia risplende l'universo.

                  Rapita dentro il corpo, attraverso lo sguardo,

                  la luce immaginata crea ricami e colori.

                  Rivestito dal mondo, cinto dagli orizzonti,

                  l'alto soffio del sole fiorisce in cieli d'erbe.

                  Lo scoiattolo-nube gioca fra i verdi monti.

 

                  II.

                  Mille stelle in una bolla:

                  in un'ala di farfalla

                  vasti cieli di velluto.

                  Le galassie sono neve

                  e la luna è un fiocco lieve

                  nella tenue luce gialla.

                  Gemma d'anima rampolla

                  dentro il corpo che la culla.

 

 

                  *

 

                  FABIO GRECO

 

                  Notte si fa in me

                  più chiara

                  limpida del giorno.

                  A breve farà eco

                  un silenzio solo mio.

                  Nella quiete emerga

                  una distanza che almeno

                  d'illusione mi sazi.

                  Preda è l'anima ferita

                  più secca, nera di dolore.

 

                  *

 

                  Ogni volta

                  Ti ritrovavo

                  seduta su scale

                  di sale, il mare

                  fra morbide labbra

                  posava la linfa

                  ed esuli zattere

                  gemevano smarrite

                  nel silenzio

                  delle tue braccia.

 

 

                  *

 

                  MICHELE PIOVANO

                  a mia figlia

 

                  Diciamo tempo di marzo – e la luce

                  come niente sale agli steli

                  stretti sui fianchi.

                  Accettala,

                  quasi sussurro dalla soglia: è poco,

                  poco più di un gioco

                  amabile contro la guancia.

                  La pelle è viva e tu

                  senti il volto confuso delle cose,

                  l'enigma che si sbianca uguale al bianco

                  sulla magnolia. Un brivido

                  tace dopo il travaglio dei rami,

                  più stupore che evento. Ora è voce

                  di fiori oltre il cortile.

        

 

                  * * *

             

 

                  LUCA ROSSI

 

                  ATTESA

 

                  Foglie gialle

                  di un morto autunno

                  stavano a noi vicine,

                  nel punto in cui tenevo la tua mano

                  perché ti pensavo

                  troppo debole

                  per stringere il mondo

                  tra le dita.

                  Luce di luna che scompare

                  quando nuovamente fa mattino:

                  le stelle, l'infinito, il sogno…

                  Un dire oltre la notte

                  la nostra pena, un pensiero estinto.

                  Tra le mani

                  un filo d'erba

                  da porre intorno al cielo

                  con il quale un giorno

                  avresti ucciso

                  la lunga attesa

                  gridando verso il sole

 

                  12.11.02


                  ANDREA CROSTELLI

 

                  Da: "IL CONTENITORE DELLE NUVOLE" - 2001

                  Circolo Culturale La Gioconda - Ostra (AN)-

 

                  LA MUMMIA

 

                  La mummia del mondo

                  non può ascoltarti,

                  sei per lei

                  ciò che è lei:

                  un organo senza fiato.

                  Le giri intorno,

                  cerchi una fessura

                  ... occhi persi

                  dal grande dolore...

                  la cantilena del delirio

                  è fumo che non si posa.

 

                  *

 

                  VASTITA'

 

                  Il trapezio della luna

                  è un disco volante,

                  sul rettangolo azzurro

                  colpisce di luce la piccola sfera,

                  al ritmo di ping pong

                  le risate nella vallata

                  sono il tuono sangue del cocomero,

                  la gracchiante eco dei corvi.

                  Solitario

                  voli airone

                  al tuo nido di polvere,

                  congelati occhi

                  ti troveranno mai

                  Sul treno della luna i vagoni delle nubi.

 

                  *

 

                  ARMONIA

 

                  Mi cala la notte sulle spalle

                  il pesante mantello oscurità,

                  pensante paroliere al leggio

                  sfoglia veloce libro di parole

                  sulla bocca del silenzio.

                  L'arma in più

                  è l'estasiante sorriso.

 

                  *

 

                  SEGRETI...

 

                  Vero ufo

                  spia accesa, il Sole,

                  scopre segreti al sorgere,

                  arrossisce il tuo sguardo,

                  timido ti volti,

                  ombra che tradisce

                  l'anima svuotata

 

                  *

 

                  VENTO CIPRESSO

 

                  Il vento cipresso

                  spiraliforme nuvola,

                  cuscino spiumato

                  ventaglio carezzevole,

                  dormitorio perenne

                  pacificato spirito.

 

                  *

 

                  LA RETE

 

                  Il letto del poeta

                  è un fiume adagiato di parole

                  dove scorrono i nostri sogni:

                  pesci che di tanto in tanto

                  saltellano al di fuori

                  all'aria fossile:

                  imprimatur versi

                  la cattura immortale

                  del pescatore.

 

                  *

 

                  "CARTA BIANCA"

 

                  A Plinio Acquabona

                  e alla sua poesia

 

                  Non sempre

                  così felicemente sera,

                  sciogliere grumi di poesia

                  nelle mie vene.

                  Esse son lì,

                  a gridare solo d'esser prese,

                  parole di sangue universale.

                  Spazio in "carta bianca"

                  l'invenzione e l'ecclimetro

                  succhia al poeta.

 

                  *

 

                  FIAMMATA

 

                  Spandermi fumo

                  mentre l'azzurro si spegne

                  e arde coniato il mar rosso.

                  Odoro già di cenere,

                  vedo consumarsi

                  il braciere della mia esistenza.

                  Dondolo vuoto in cielo

                  ascoltandomi sereno.

 

                  *

 

                  L'ATTO

 

                  L'amore è lasciarsi

                  succhiare il sangue,

                  è un atto di farfalla

                  che si posa lievemente

                  sulle spalle dell'Infinito.

 

                  *

 

                  L'ENERGIA CHE EMERGE

 

                  Il bosco dei frati

                  muove il suo cappuccio stasera,

                  come dentro una conchiglia

                  tutto il respiro del mare in tempesta.

                  Ma non c'è inquietudine

                  in questa mia Pasqua,

                  landa di rassegnazione.

                  Io gorgo torbido d'un fiume

                  col collo radar di struzzo

                  rifiato dal mio circolo senza uscite.

                  La fede è l'energia che emerge

                  per camminare sulle acque,

                  passare a porte chiuse,

                  aleggiare da risorti in cielo.

 

 

                  * * *

 

                  Da: "DENTRO OCEANI"

 

                  (poesie e pitture per la Mostra

                  tenutasi a Belvedere Ostrense nel luglio 2008)

 

                  Oscuramento

 

                  Quanto mi spegnerei facilmente qui

                  all'ombra riarsa di un sole tagliente

                  alla memoria lugubre di un epitaffio immemore

                  quanto mi spegnerei facilmente qui

                  dietro il vetro che scompone il mondo

                  e ne clicca il suono oltre il suo sigillo

                  Loro son là per la strada maestra

                  e io di qua chiamo il mio maestro

                  che non arriva se non nella raccomandata di esistere.

 

                  *

 

                  Il ratto

 

                  Su questa carrozza dondolante

                  i cavalli, spossati, a volte si riposani,

                  sempre all'erta al morso del serpente,

                  alla rapina del fuorilegge.

                  Tutto ciò è il mare la nave le vele,

                  i tentacoli della piovra e gli agguati dei pescecani:

                  Terribili ansie a chi cavalca le onde,

                  insidie nascondono le acque

                  mostri per chi non può vedere.

                  Non gioca a carte scoperte l'Oceano,

                  luccicante il dorso che svia il tuo sguardo

                  pensi "adesso bara" e bara si fa paura.

                  Dubbi sulla sconfinata limpida onestà,

                  sincerità trasparente che non ha facce

                  se non la tua che vi riflette

                  l'anima sperduta inconsolabile dell'uomo.

 

                  *

 

                  Io sono sempre altrove

 

                  1

                  Ho ribaltato le mie case

                  e le mie cose in mare

                  lo faccio ormai da quarant'anni

                  ogni mattina quando mi guardo allo specchio

                  e vedo il vuoto più assoluto

                  piombarmi addosso

                  naufrago di me stesso

                  e della malattia che mi porto appresso:

                  l'ancora delle mie pazzie

                  gettata nell'universo senza suolo

 

                  2

                  Sbatto le palpebre

                  che si riaprono

                  nel nulla è cambiato

                  la mano del mondo

                  non sa dove sono

                  e non può afferrarmi

                  sono invisibile

                  come palpebre mute

                  che fanno meno rumore

                  e ancora meno presenza

                  della quercia che pensa...

                  io sono sempre altrove

 

                  3

                  Inoltrato dal silenzio

                  nel mare può vogare

                  il mio verso,

                  suono di bassa frequenza

                  ecoscandaglio di balena

                  parole viaggiano a lungo

                  sotto il braccio del mare...

                  ... e il mare

                  sfoglia libri...

                  intanto smemorato

                  il mio viaggio

                  porta me altrove

                  senza rileggermi

 

                  *

 

                  Ad Antonio Santinelli

 

                  L'onda, respiro del mare.

                  Soffiavano dalle nari i tuoi cavalli

                  un forte attaccamento alla terra,

                  un forte respiro di vento.

                  Voleva esser pieno il tuo passo

                  del giallo frumento verità,

                  dorato segreto dell'arte

                  a piccoli sorsi donato.

                  Appesa ai tuoi occhi e frapposta

                  l'atroce meridiana del tempo

                  fissava l'ora senza nome,

                  priva di sole e fughe d'ombra,

                  la somma di tutte le ombre.

                  Oggi guardo il pulviscolo dorato

                  nella fascia di luce: moscerini

                  in sospensione: catalessi del corpo

                  dell'arte, e penso a te, amico caro,

                  mentre passi ancora fra le nuvole

                  e sposti l'aria dei miei pensieri,

                  a te che mi gridasti aiuto senza voce...

                  riprendo a cavalcare in groppa

                  al tuo cavallo con la tua forza

                  in corpo, dopo che, per un attimo,

                  il tuo passo si fermò, il mare

                  ritrasse il suo respiro

                  e fu la secca.

 

 

                  * * *

                  Da "PAESI DI MARE"
                  Circolo Culturale La Gioconda - Ostra
                  Tecnostampa Edizioni, 2008

                  11 novembre 2007

                  Concentrato
                  su una gamba sola
                  come un fenicottero
                  raggiungo
                  stasi ed estasi
                  e perdo così
                  anche l'ultimo appoggio
                  mentre la mente
                  porta lontano
                  nel giorno che fugge
                  dal corpo
                  e il corpo alleggerito
                  lievita sospeso
                  galleggia a mezz'aria
                  improvviso s'impenna
                  mette le ali e insegue
                  la mente già lontana
                  per riaccorparsi a lei
                  accettando l'eccezione
                  della gravitazione
                  al posto del consueto
                  toccare piedi a terra

                  *

                  Provvidenza

                  Sembra allentarsi intorno
                  il foro dei chiodi delle stelle
                  ma non v'è pericolo che cadano
                  oltre il mare che le accoglie
                  con il suo salvagente
                  resteranno a galla
                  oscillando ancor più nel loro tremore
                  ricordando il mio spalpebrare
                  muto e sperduto
                  così anche i miei quadri
                  protetti dalle ali degli angeli
                  non si staccheranno dalle pareti

                  * * *

                  Andrea Crostelli è nato nel 1963 ad Ostra, dove vive e lavora.

                  Collabora con diverse case editrici come illustratore,
                  fumettista, critico artistico-letterario. Espone le sue opere
                  in Italia e all'estero. Ha pubblicato varie raccolte di
                  poesie, e l'opera per cui ha ottenuto lusinghieri consensi dalla
                  critica, "Nei Mari di Melville" (Moby Dick, 2004).

                  TERENZIO FORMENTI

                  ha iniziato il suo viaggio nell'infinito
                  sabato 25 aprile 2009

                  [Poeta, psicodrammatista, psicoterapeuta, "persona attenta ai
                  sogni,
                  alle immagini, alla fantasia, alla natura, alla vita" -
                  col quale ho avuto una breve corrispondenza alcuni anni fa, in
                  occasione della
                  mia partecipazione alle "gocce di rugiada" (dewdrops) tradotte
                  in molte lingue.
                  Bresciano, aveva 86 anni .]

                  "mi farò una casa nel vento"

                  mi farò
                  una casa nel vento

                  giocherò
                  con le nubi

                  mi poserò
                  sul vecchio baobab

                  mi confonderò
                  con la sabbia del deserto

                  fischierò
                  fra le rocce
                  canzoni d'amore

                  e

                  finalmente stanco

                  adagiato sulle onde

                  mi lascerò cullare...

                  dolcemente

                  *

                  IO SONO L'ARCOBALENO DELLA NOTTE

                  a Paola

                  Io sono l'arcobaleno della notte
                  nato dalle tenebre in questa sera di magia
                  mi chiederete quali sono i miei colori
                  chiudete gli occhi e li vedrete

                  sono il pianto di un bimbo nella notte
                  la luce negli occhi di due innamorati che si cercano nel buio
                  i sospiri i sussurri i baci di un incontro d'amore
                  un fuoco d'artificio che nasce dal buio e muore nel buio
                  sulle rive di un lago in una notte di festa

                  sono gli occhi di una tigre in amore che bramisce nella
                  giungla
                  le luci di Broadway e di Chinatown
                  gli occhi di un gatto
                  che miagola alle stelle sul tetto di una baita
                  una falce di luna
                  che taglia la segala in un prato di montagna
                  gli occhi di una volpe
                  che ha deciso che questa notte non ammazzerà
                  gli occhi di una lepre
                  che rassicurata bruca l'erba di un prato tenero
                  i palpiti di luce di una lucciola
                  che cerca la sua compagna fra i cespugli
                  sono i fantasmi e i folletti buoni
                  che compongono i sogni della notte
                  uno gnomo
                  che gioca a nascondino con le sue immagini
                  la serenata di un grillo del focolare
                  un fuoco fatuo
                  che illumina le paure di un viandante
                  le favole di un nonnino
                  narrate alla luce dei tizzoni ardenti
                  un vulcano
                  che proietta nel cielo i suoi lapilli di gioia
                  il pianto di stelle della notte di San Lorenzo

                  sono un piccolo uomo
                  ma sono anche
                  l'arcobaleno di questa notte di magia

                  un frammento di infinito

                  Terenzio Formenti

                  per maggiori informazioni vai sul suo sito:
                  www.terenzioformenti.com


                  POESIE DI PIERNICO FE'

 

 

                  8 marzo

 

                  Vorrei che un mattino ti potessi svegliare

                  né più moglie né madre

                  vorrei che un mattino ti potessi svegliare

                  affannata del tuo mordere lenzuola

                  tra sonno e veglia,cercare la casa della tua ..

                  felicità

                  vorrei che un mattino ti potessi svegliare

                  a sguardi d'uomini nuovi,

                  colta da una goccia di mare

                  pararti gl'occhi per la luce abbagliante,

                  a passi nuovi nel mondo imbiancato

                  di fresco.

 

                  CASA DI CAMPAGNA

 

                  Nella mattina serena, giungo al tuo riparo di palma

                  d'una schiuma di mare e vento riposo.

                  Mi è muta nella forma e negli odori la tua ombra

                  a rivedere il luogo d'Africa lontano.

                  E' canto come di tamburo il tuono,

                  solo ad annusare bucce vive di cocco

                  e bave di mare al sole, sto bambino.

                  Casa mia di mare aperto, anima antica ritrovata

                  vento che urla caldo sui tetti di lamiera

                  grida di gioia nella poca luce elettrica

                  nei pochi pesos per una comida

                  nel nascere d'un altro figlio sorridente

                  e in tutto quello che il mare rigetta a terra di notte

                  trovare con mani di sabbia frutti d'odori e sale

                  ali distese d'uccelli lillà e forza a vivere del nuovo.

 

                  CITTA'

 

                  D'una mia ombra

                  è la concentrazione urbana.

                  Il mostruoso ombreggia,

                  della sua catastrofe

                  issata e crocefissa

                  in boati grigi e strozzati.

 

                  Abito qui sottoposto al cielo

                  offeso d'una ferita sottile

                  io vedo io annientato e luminoso,

                  esplosivo nel fine del mio nulla,

                  mi vedo Narciso sorridente e morto.

 

                  FEBBRAIO IN LIGURIA

 

                  Febbraio in Liguria

                  è forse una vigna che prega in alto

                  e al mare ossute ramaglie lancia in frecce;

                  avara di sé rotola a levante

                  questa poca luce che fuga in relitto

                  e ci s'accorge di questo luogo,

                   d'ordini senza suoni,

                  delle vuote ventate, d'un segno che vede

                     | gravi

                  nella chiarissima luna,

                  le torte mani vive d'un orto.

 

                  L'AGO DELLE STELLE CADE

 

                  L'ago delle stelle cade

                  sul lago bianco delle strade terrestri

                  inonda i miei labari ostinati e stinti

                  mi scruta nei miei passi nemici alle leggi

                     | delle foglie

                  trafigge l'ombra nel chiuso delle mie mani

                  preme sulle torri latebrose del mio abitare

                  stana giorni rugginosi negli attrezzi dimenticati

                  cade sottile in frantume vivo

                  parla il muto ordine della luce

                  percuote il tempo breve della mia ora

                  serba per me lo sguardo verde della terra

                     |e del mare aperto.

 

                  NERVI

 

                  La cittadella di spiaggette

                  abitano le barche lo spazio breve,

                  dove l'azzurro illumina il pitosforo;

                  il mezzogiorno scolora violento

                  le fiamme d'ombra nane,

                  è il calpestio confuso e scuro

                  che a una svolta svanisce

                  per ritornare a nuovi suoni fuso.

 

                  Lento nel consumare il tempo

                  di questo giorno di mare,

                  è il bianco gesto delle vele

                  il ritornar l'andare.

 

                  OMBRA VERDE D’AFRICA

 

                  Ombra verde d’Africa

                  Che muori d’un silenzio sempre nuovo

                  E vivi d’un fiato quasi estinto,

                  D’occhi di madri bambine

                  Di bambini soldato.

 

                  Sei mani stampate sui tuoi muri

                  Graffiti di colpi d’uomo.

 

                  Africa lastricata sulle strade d’Europa

                  Sei nobile provincia del mondo conosciuto,

                  Umida delle tue acque e del tuo pianto

                  Ardente dei fuochi della terra

                  Colorata dei frutti e delle foreste.

 

                  Fai legna da ardere di questa croce disabitata

                  Respira dell’aria affidatati.

 

                  SONO ROVINE D'OMBRA

 

                  Sono rovine d'ombra gli alberi

                  che intorno stanno senza suono,

                  com'è successo e dove, quando

                  l'aria ha chiuso il suo sguardo?

 

                  Forse nel rumore fumigante d'odio

                  o nella barbarie che vince il muro,

                  derubato dei miei desideri

                  strillo come moneta al nichel!

 

                  Mi sorprende quel che di me è vivo

                  nella mia antica carne bianca

                  povero d'ogni cosa

                  solo sul marciapiede sputacchiato.

 

                  *

 

 

 

                  

                  

 

                  Piernico Fè è nato il 15 maggio del 1952 a Borgio Verezzi

                  (SV). Ha svolto

                  un'attività in proprio come fotografo per circa 30 anni; ha

                  fatto della Repubblica

                  Dominicana (in particolare) la sua seconda patria dove lavora

                  e vive buona parte

                  dell'anno. Ha la residenza a Genova. Le molte poesie scritte

                  in tanti anni,

                  rappresentano per lui un diversivo per avere un interesse

                  costruttivo.

                  E' presente, tra l'altro, in "Antologia Italiana - Poeti

                  Italiani Contemporanei", 2006

 CORRISPONDENZE

                  SEBASTIANO AGLIECO

                  
                                          FRAMMENTI DELLA VOCE
                  
                  Come un canto si sprigiona la sera
                  dai tuoi occhi
                  e in questo istante accetto di parlarti
                  verso la notte non c'è vento, né aria
                  solo attesa
                  perché il silenzio non dice che silenzio
                  e mi stupisco se il nome ancora chiedi
                  il tempo, l'ora, e ti dimentichi
                  che nulla ti può atterrire gli occhi
                  l'anima di colpo guarisce
                  quando ad un tratto dispare il riflesso della luce
                  
                  Quanto ancora ti porti del mio sangue alla deriva?
                  dove tu attingevi scorre un fiume eterno di malinconia
                  ferita che sempre nutre le diaspore
                  a fondo devi scavare per trovare la sorgiva del tuo cuore
                  lì disseterai le solitudini
                  e spogliato dei tuoi amori, infine
                  ti disseccherai
                  
                  Sempre il limite della tua terra varcherai
                  e ti parrà il ritorno sempre una partenza
                  e la partenza ti parrà sempre un ritorno
                  perché a lungo cercato sempre troverai
                  perché a lungo trovato sempre dovrai cercare
                  
                  Non c'è niente che non abbia in sé un seme
                  e allora non chiedere l'origine e la fine
                  ma passa oltre e guarda dentro l'abisso
                  protenditi, e vedrai la tua vita
                  che ritorna dalle larvate strade
                  e la riconoscerai, come intatta
                  alla vista di un tremante colore
                  
                  Quello che chiami ritmo
                  è un vuoto formicolante che si mostra in tratti
                  isole pulsanti dai confini calmi
                  o tumultuose prevaricazioni del respiro
                  io sono la forma della voce che sempre invochi
                  io sono, altro non posso dirti se non descriverti
                  questo esistere nostro in un ritmo più grande
                  ombra nella luce in cui respiro
                  luce nell'ombra in cui sono respirata
                  
                  [dalla raccolta: "Poesie per la riconciliazione"]
                  
                  
                  *
                  
                  GIUSEPPE GORLANI
                  
                  SE VOLESSI
                  
                  Potresti, se volessi,
                  togliere ombre dalle pareti delle case
                  tornare al pozzo cui s'abbevera la vita.
                  Se i tuoi pochi anni non annaspassero
                  distratti
                  in melmosi cortili senza cielo
                  ove s'assommano parole vuote,
                  potresti evocare cherubini e dèi,
                  comprendere la sapienza apofatica
                  dell'Areopagita
                  e rinascere nella quiete viva del cuore.
                  Ma ad abbracci d'innocenza
                  ti rifiuti.
                  Nelle orecchie trattieni seduzioni
                  striscianti
                  e in utopie televisive affoghi
                  a poco a poco.
                  Potresti sul nulla dei miraggi soffiare
                  con gote d'oro,
                  il mondo ricordare degli antichi eroi,
                  risalire al Principio,
                  spaziare sul mondo.
                  Potresti raccogliere l'amore
                  con mani sicure
                  e benedire
                  libero da pesi e fatiche.
                  Realizzare il Bene potresti se volessi,
                  ma non vuoi
                  ed innalzi inni alla materia,
                  inventi dicotomie, catene, muri, distanze,
                  tempo, evoluzione, antenati scimmie:
                  paludi nelle quali spegnere la fiamma
                  che Dio pose preziosa in te,
                  sua emanazione diretta,
                  l'Uomo.
                  
                  *
                  
                  MARCO  MERLIN
                  
                  Se ti dicessi
                  che ho ormai gustato tutta la mia vita
                  e il futuro mi è padre
                  
                  diresti ch'è superbia, crederesti
                  di capire. Ma so vedere anch'io nel cieco
                  riflusso del millennio
                  l'alba del Quinto Giorno.
                  
                  Quello che non comprendi
                  è l'oceano saturo di sale
                  nella goccia sorgiva,
                  è la piaga che ride sul mio volto.
                  
                  
                  L'ANGELO - LA MIA SORTE
                  
                              I
                  
                  Sia benedetta ogni strada, ogni voce
                  ascoltata
                              -se unica è la meta
                  
                  Ma lasciatemi su queste rovine
                  a cercare la verità morente
                  il dubbio che ci libera. Io non sono
                  l'eroe che chiude nel pugno il passato
                  e punta le pupille dentro il sole
                  Io non posso       , il mio destino è qui, in qualche
                  libro già letto,
                  in un balocco rotto
                  o in un nome troppo semplice, tradito
                  a dovere nel figlio
                  dal padre, come un amore irredento
                  Il mio viaggio profonda
                  questo tempo, il futuro
                  preme dietro le spalle.
                  In un vagito l'angelo
                  mi chiama sotto i sassi,
                  impetra l'obbedienza
                                            l'abbandono
                  
                              II
                  
                  Comprendo bene
                  quale condanna dobbiamo scontare
                  trovare un nuovo
                  angolo di silenzio,
                  tornare a dire a sollevare al cielo
                  macigni di parole
                  e lasciarli ricadere su noi
                  
                  Affondare le mani nella piaga
                  
                  Ogni altra cosa
                  (anche la sapienza
                                          anche la sapienza)
                  viene dalla paura.
                  
                  La mia sorte è legare in ogni gesto
                  follia e umiltà
                  
                  
                  *
                  
                  
                  EMANUELE  ROZZONI
                  
                  (Lethe)
                  
                  Sei acrocori e piane e bacini
                  strapiombi fiordi di mare
                  impazzito e rade profonde
                  scaglie di rame inverdito.
                  
                  Nero orifizio dirupo scivoloso
                  per dove piombo a precipizio
                  m'inabisso, dal tuo lethe oblioso
                  sgravato riemergendo
                                                  stranito.
                  
                  *
                  
                  L'acqua, il vento posa
                  tace il piovasco venuto
                  iroso a rimbrottarmi.
                  Sorridi, e ti si increspa il viso.
                  Conosco la smorfia gentile
                  non condanna, sentenza
                  (dicono che qui finisca l'estate)
                  senza assoluzione.
                  
                  Spiove, salgo le scale
                  (pure già tarda l'autunno a venire).
                  D'altro che resta? Guardarsi le mani,
                  aspettare, chiedersi cosa faremo
                  
                  domani. Rispondersi è meglio dormire.


                  

                  POETI SEGNALATI DAL PROFESSOR

                  GIORDANO GENGHINI (MONZA)

                  

                  tramite i circuiti postali della “xeropoesia”

                  negli anni '80-'90

                  

                  

                  

                  TRE POESIE DI VICO PIAZZA

                  

                              1.

                  Standoti vicino, seduto così ad osservare

                  alberi, case rare, viadotti passare o restare

                  la giusta lunghezza della vita apprendo

                  in quest'ora meridiana d'ombre

                  corte come punte d'insetti, d'ombre

                  che nulla hanno di vita.

                  "Perché ci hai lasciati?"

                  "Viaggio ora solitario, so

                  che niente vale

                  ciò che mi attende".

                  Poi si interruppe - o così io credetti -

                  insieme cercammo la stazione. La radio

                  gracchiando francese, arabo, fischiava

                  gemendo. Vedi quel punto vuoto,

                  quel silenzio che ora temiamo

                  spostando - a dispetto della morte

                  che incombe - inutili le ore

                  ora, amandovi ora

                  poche sagome scorgo: la mia

                  le vostre riconosco.

                  

                              2.

                  Non so descriverti

                  che per somma di cenni

                  (tralasci di assecondare il mio sguardo).

                  Ti aspetto

                  contando i minuti,

                  i secondi, mi accorgo

                  ch'eri tu la prima

                  a dover pazientare.

                  

                              3.

                  Il volo trancia l'azzurro

                  lo incolora e srotola la strada

                  il nodo della tua venuta. Dicevi:

                  "Ciò che tu vuoi" - un'altra volta -

                  ed era un'arida ventata di scirocco.

                  L'ombra si leva agli angoli

                  solo un abile gioco di riflessi

                  metteva luce. Ma da te non traluce

                  alcun possibile nulla: era la tua mano

                  un segno, un pegno

                  senza proporzione essere

                  in quella sufficienza di perdono.

                  

                  *

                  

                  LUIGI GERARDO COLOMBO

                  

                              DIES ILLA

                  

                  Dio distrusse la morte

                  creando egli stesso la morte:

                  ogni giorno

                  costretto a vivere

                  per destino o miracolo

                  l'uomo si prepara la sua distruzione.

                  In un'ora destinata

                  a sua insaputa

                  si ritroverà

                  svestito della sindone

                  dei suoi rimorsi divoranti

                  destato dai suoni

                  delle tube angelicate

                  per risorgere

                  dai rimorsi devastatori

                  completamente trasfigurato

                  in un corpo uguale e diverso.

                  Gli specchi andranno in frantumi

                  gli enigmi sveleranno ogni segreto

                  in una nudità abbagliante

                  finalmente sottratta

                  al crollo strepitoso dello spazio

                  e al franare irresistibile del tempo.

                  

                  *

                  

                              CROCIFISSO

                  

                  Non un fremito di pietà

                  viene dalla tua pupilla

                  alla mia anima in tumulto

                  ma il consenso accorato e costante

                  della tua mortale compostezza.

                  Nessun segno di stupore

                  né di rimprovero

                  nel tuo viso

                  che si china

                  in un bisogno di abbandono

                  sulla spalla destra

                  che è quanto di te

                  rimane da accarezzare.

                  Il tuo sguardo si rifugia

                  sotto le palpebre

                  e quando vorrei farmi forza

                  per avvertirne il tremito mi sento sospingere

                  ineluttabilmente

                  sul tuo cuore squarciato

                  per respirare

                  un alito

                  in cui si accordano

                  il tremito delle mie labbra

                  e il pulsare delle tue vene.

                  

                  *

                  

                                   ACQUAMARINA

                                                        *

                  PER LA MANUTENZIONE DELLA VITA

                                                  *

                      MICHELE ARCANGELO FIRINU

                  

                  

                  Il mattino ti viene incontro, latteo,

                  adorno degli argentei ghirigori ricamati

                  coi fili di bave di lumache.

                  

                  Ti ci vorrà quasi mezzo secolo

                  perché tu gli dedichi l'inchino

                  di quattro fili di erbe.

                  

                  Il flusso delle ore verso di me si curva, radioso,

                  con deferenza.

                  

                  Me ne infischio degli inchiostri più celebri:

                  io posso intingere il mio sguardo

                  nell'acquamarina delle mia mente.

                  

                  Io sono obiquo,

                  se qui mi avvolgo e vado

                  in un saio di luce.

                  

                  *

                  

                  "HAIKU OCCIDENTALI"

                  

                  composti durante un "Esercizio di Scrittura Creativa"

                  nell'Istituto 2E dell'Istituto Tecnico MOSE' BIANCHI di Monza

                  

                  La morte

                  è un lenzuolo bianco

                  nel deserto in delirio.

                  (non firmato)

                  

                  *

                  

                  Vedemmo in loro

                  fitta la morte.

                  Tornammo a sentirci isole.

                  (non firmato)

                  

                  *

                  

                  Sospesa sopra il mondo

                  l'anima disperata vide

                  il suo corpo scomparire.

                  (Alessandro De Marco)

                  

                  *

                  

                  La via del sonno:

                  un fiume di ricordi che mi porta via

                  senza ritorno.

                  (Hu Bing Kiu)

                  

                  *

                  

                  Nel deserto era scesa

                  la mia colomba, stanca:

                  un lieve sogno nella sera bianca.

                  (Giordano Genghini - Insegnante)

                  

                  *

                  

                  PIERLUIGI PANZA

                  

                  BENIAMINO

                  

                  con gli occhi afflitti e con un pianto rotto

                  io sento come tu Beniamino

                  nel gravido convitto della notte

                  singhiozzi la speranza di un destino.

                  

                  Tu che non morto voli un vento

                  che non è più dell'aria   tu   che non sei che aria

                  ma piangi a un respiro che può del tempo

                  cerchi un cercine di stracci nel cuore

                  

                  un volto per volgerti ai vivi.

                  Oh! il tuo volto mi fa paura

                  mi fa paura il tuo viso furtivo

                  perché qui nel nido è già sera.

                  

                  Ma ora che l'oscuro discende

                  e la regina si benda le ciglia

                  ma ora che la luna s'accende

                  e l'uncino arrotonda il suo taglio

                  

                  tu chiara gora d'acqua

                  sorgi qual vento nel tondo del mio orto

                  e dall'urna per cui io giacqui

                  levati improvvisa nell'aria incerta.

                  

                  O forse senza che ti veda

                  guarda fuori guarda la terra sotto

                  e senza che tu accada

                  rischiarati di te che non sai tutto

                  

                  di te piangendo brilla

                  di te brillando piange

                  che già grave nel grembo della stalla

                  seppi di te che dentro ti raggiungo

                  

                  e sono in te sono te... E già temo

                  che t'avrò tra il mio orrore

                  paura tra le paure e celato

                  ti conserverò tra il tremore e il dolore

                  

                  di sempre.

                  

                  [dalla rivista "il bagordo", anni '80]

                

                  Paolo Valdossi

                  è nato a Leggiuno (Va) nel 1944.  Da sempre a

                  Milano,ha lavorato sempre nell’industria farmaceutica.  Ad una

                  vita esteriormente semplice e monotona,tra lavoro,famiglia e

                  sacrifici,si contrappone una vita interiore solitaria e

                  schiva,nel poco tempo libero,molto varia,tra

                  scienza,filosofia,musica e l’arte della parola narrata e

                  cantata,in un crescendo che lo ha portato,nel 2009,scoprendo

                  il Web,ad affidarvi i suoi lavori.   Ha partecipato ad alcuni

                  concorsi,per prova,con risultati positivi.

                

 

 

                                               

                  IMPROVVISA    E’   LA   VITA

                

                                                          Improvvisa è la vita

                  Improvviso è l’amore,

                  sussulto,lunga notte di pausa,

                  tra sogni,veglie,domande,silenzio.

                  Il clamore della morte,

                  la cascata,là in fondo,

                  quando finiscono gli istanti

                  e lo sguardo si vetrifica nel gelo,

                  l’ultimo dono del respiro

                  che rende il nome al nulla,

                  il vieni,qui,ora,poi non so.

                  E resta il fragore delle domande

                  che si gettano nel vuoto,

                  precipitando nel salto a valle

                                                          in uno scroscio di

                  scintille al sole

                  O l’eternità

                  celata dietro la porta chiusa,

                  per dirti cosa fare.

                  Forse un sorriso,un enigma.

                  Improvviso è il Mistero

                  che ti abbandona solo

                  tra le onde lunghe del mare,

                  in attesa.

                 

 

 

                  LA   VECCHIA

                 

                  Questa vecchia,

                  fiore avvizzito,

                  lo sguardo un po’ perso,

                  le labbra tremanti

                  e curva dagli anni,

                  ha ancora negli occhi

                  un color di velluto,

                  di madre,di bosco,

                  di notte,di buio,

                  quando abbracciandomi

                  scacciava i fantasmi,

                  e sussurrava l’amore

                  con il caldo suo corpo,

                  ed io un ricamo

                  su un arazzo dorato

                 

 

 

                  SONATA   PER   VIOLINO   SOLO

              

                  Sonata amara

                  sulle corde di un violino,

                  che vibrando nell’aria tersa,

                  sfarfallano emozioni accecanti,

                  e galleggiano lievi,

                  spiovendo sulla carne antica

                  che le accoglie in un sospiro,

                  e s’irradiano calde ai confini,

                  tornano nello sguardo

                  con cui mi cercano le tue mani,

                  nella penombra vellutata

                  della casa d’inverno.

                  E sei un sogno perduto,

                  che mi stringe la gola

                  sulle note che s’inerpicano

                  in un incendio di dolore,

                  mentre,docile,l’arco scivola

                  sulle corde del tuo violino

                  che accende di suoni

                        la malinconia nascosta.

                

 

 

                  POIESIS

                 

                  Ridere e piangere

                  Figura di vento

                  Su ali bianche

                  Nella distesa del sole

                  Gli occhi umidi arrossati

                  Sfolgorano l'attimo

                  Con cui mi cerchi

                  In fondo alla solitudine

                  Tra la luce dei prati

                  Stellati di rugiada

                  E il tuo abbraccio

                  Cancella il tempo

                  Le rughe del dolore

                

 

 

                  CANE   RANDAGIO

                 

                  Quando allontani i tuoi passi

                  Per non vedere la mia mano

                  Tesa che ti grida aiuto

                  E il mio puzzo di sporco

                  Che apre il mio mondo

                  Alla pozza fangosa

                  Della lubrica miseria

                  Ti guardo bianca svanire

                  All'angolo della vita

                  Dove mi lasci solo e perduto

                  Bieca vescica d'immondo

                  Che vorresti cancellare

                  Con uno spruzzo di veleno

                  E non so più piangere

                  Affondo nel mio vino di cartone

                  E nella tua coscienza infame

                 

 

 

                  MEDITAZIONE

                 

                  Fiorisce un canto

                  profilo imbronciato d'alture

                  a stringere i confini del cielo

                  nel guazzo delle nubi

                  di bianco sfumato

                  e scivola il mattino

                  sul declivio leggero

                  dell'anima di vento

                  che abbraccia l'istante

                  nel verde greto di selva

                  increspato dalle cicale

                 

 

 

                  BALLATA

                

                  Vapore di cielo negli occhi stanchi.

                  Vagano fiocchi di luce,

                  Bianco sorriso d'argenti

                  Tra gli spruzzi salmastri,

                  E l'immenso che srotola

                  Il suo tappeto di luci sgargianti,

                  Tra noi e il Mistero silente,

                  Che aspetta nell'ombra fresca del bosco

                  Il crosciare dei miei passi,

                  Tra ricordi che emergono furtivi

                  Nelle macchie verdi abitate

                  Dalla carezza dorata del sole.

                  E tace la vita,in un sospiro.

                  Aspetto la sera sospeso tra il nulla

                  E il torrente delle parole

                  Che a balzi scendono a valle

                 

 

 

                  MI   DIMENTICHERAI

                 

                  L'acqua scioglierà i lacci

                  ai tuoi calzari.

                  Mi dimenticherai,

                  libera sulla bianca sabbia,

                  tra il grido dei gabbiani.

                  Mi dimenticherai,

                  nel frastuono delle onde

                  che battono ai tuoi piedi

                  e scavano un abisso

                  che cancella il mio nome.

                  Mi dimenticherai,

                  nei giorni della pioggia

                  che canta sulla gronda

                  e profuma l'autunno

                  di grigia attesa.

                  Mi dimenticherai,

                  e sarà ancora primavera.


 

 

 

                  EZIO FALCOMER

                

                  La poesia come rischio e tensione espressiva, vitalistica;

                  rabbia, risata ed ebbrezza. La poesia come diario dello scacco

                  e della perdita, diario di bordo nel naufragio di fronte al

                  nihil e alla malattia. La poesia come canto dell’amore e

                  dell’eros: selvaggio, pagano, orfano biblico o, più

                  semplicemente, alla fine della tradizione. La vita picara

                  raccoglie tre anni di percorso creativo ed esistenziale

                  sviluppato attraverso il blog e nel dialogo e confronto con il

                  lettore-commentatore.

                  ____________________

                 

                  Ezio Falcomer è nato a Concordia Sagittaria (VE) nel 1962 e

                  vive a Torino. Lavora come insegnante bibliotecario. E’

                  scrittore ed attore.

                 

                  <<<

 

                  Da La vita picara

                  (Poesie 2007-2010)

 

                  Lanuvio RM

                  Narrativaepoesia

                  2010

                 

 

 

                  E/Scatologica

                 

 

                  Sull'asse della memoria

                  mi aggrappo

                  si stemperano gli arcani maggiori

                  ovipari di sensi e di storia

                  armigeri di eventi

                  pirofori di esistere in etere violaceo

                  di crepuscolo, come

                  prima di cadaverica baldoria

 

                  io, scoria di angeli

                  strame di miti di gloria

 

                  agli estremi bordi del Tempo

 

                  oh, restasse segno o runa

                  su questo sentiero

                  vivesse di me cuore o fremito

                  emaciato

                  su tumida e madida duna

 

                  come un resistere

                  a ossessa, febbrile fortuna.

                 

 

 

 

                  Seta e agata

 

 

                  Come se tu fossi qui

                  a spellare con me

                  gamberoni e aromi di sguardi

 

                  come se tu non fossi andata via

                  su quelle rotaie di ignoto

 

                  parlare l'amore ancora, ballare

                  alla luce di mani

                  intrise di olio e tocchi yin e yang

 

                  rubare arcani e sillabe alla notte

                  con rabbia averci e stordimento di onde tenui

                  di fianchi parole respiri

                  inesprimibile labirinto di praterie

                  di seta cremisi e agata corniola

 

                  solo dita umide e attenzione

                  sentire il tuo acquoso gemito

                  il tuo vuoto

                  saturo di maestà rapace

                  di sete che rifiuta la paura del naufragio

 

                  di fame

 

                  che ama me

 

                  che mangio te

 

                  che mangi me.

                 

 

 

 

                  Tu mi fai essere

 

 

                  Tu mi fai essere

                  cauto scavo nella tua voce

                  enigma tremore silenzio

                  sei creatura d’acqua

                  di sorriso

                  di nervosi refoli d’ombra.

                 

 

 

 

                  Armageddon

 

 

                  Asce scorrono lungo i viali dell’anima

                  svaniscono i fenomeni

                  a scroscio si riversano le falangi

                  mischia bolgia omicidio

                  pallide scoliosi di sciacalli splendono all’alba

                  si ridestano fiamme di furia

                  tutto un cercare la luce

                  tutto un ritorcersi d’asfissia

                  delirio remoto d’angeli nel tunnel

                  la fatiscente sclerosi di un dio.

                

 

 

 

                  Stenti fatali

 

 

                  Cos'è che c'è

                  in questa spugna dov'è intrisa la vita

                  in questo sogno

                  in cui muoiono gli dei

 

                  ragnatele di eventi

                  amore dolore fetore

 

                  spazi di plasma

                  di braccia allargate

                  a trafiggere il vuoto

 

                  gambe sommerse fino al ginocchio

                  da un mistero di palude risucchiate

 

                  lancio il bengala sull'orizzonte

                  l'accolgono angeli fatali

                  amanti

                  di miasmi amori e di stenti

 

                  su questa pianura

                  che ha desiderio d'istanti.

                 

 

 

 

                  Azzurri sensi

 

 

                  Azalee d'improvvisi bagliori

                  orti sarchiati d'azzurro

                  sussurrano gli immensi spazi

                  arazzi di silenzio

                  respiri d'assenzio

                  invasi di sensi mai sazi.

 

                  Lunare

 

 

                  Lunare,

                  chiedi amore

                  e scendi lungo un fiume di malinconia

                  labbra di pesca cantano perenne estate

                  fragranza di sorrisi caldi, nascosta

                  sotto timido feroce veleno

                  sogno i tuoi fianchi...

                  che ti porterei alla mia bocca

                  ...e traversare il tuo deserto

                  di oasi lussureggiano.

                 

 

 

 

                  Strusci e fotoni

                 

 

                  Mi ammoscio su lungaggini d'orizzonte

                  scroscio pensieri e veleni

                  sfascio cartilagini e crisantemi

                  piscio lunatiche tossine

                  striscio ubriaco lungo muri di mattoni

                  struscio fianchi bisognosi di attenzioni

                  sciami le mie ore si gettano nel mare

                  origami di fotoni che si perdono nel dare.

                 

 

 

 

                  Si diramano anfratti e segrete

                

 

                  Si diramano anfratti e segrete

                  nel canto del sogno

                  e luci e sonagliere delirano

                  ascolto i miei spiriti frinire

                  fiotti d'ira e di blu  anelano al cielo

                  parto su scafo fenicio

                  l'Orsa e le Pleiadi mi guidano

                  e l'Oltre al centro del Qui

                  vi si appoggia chi muore ogni istante

                  rido ubriaco d'incoscienza

                  e di enciclopedica follia.

                 

 

 

 

                  Notturno con mare

 

 

 

                  A che punto è la notte

                  questo calice non contiene tutto me

                  di stagione in stagione

                  varco ogni soglia

                  e dico addio

                  senza sponde dove consistere

                  esisto persisto e muto

                  camaleontica traversata

                  come un dramma senza esito finale

                  come clown che schiamazza per la via

                  ai bordi di un mare saturo di ciclone

                  vi balugina il canto degli arcipelaghi di sogno.

                 

 

 

 

                  Spasimano

 

 

 

                  Spasimano le spettinate onde di papaveri

                  vento e luce si inabissano su gialle spighe

                  aria solo aria

                  e la notte per guarire

                  si elidono dai rami fiori e frutti

                  spauriti

                  per l'ignoto.

                 

 

 

 

                  Giostra

 

 

                  Scalfisci diafana malinconia

                  nei riverberi dei tuoi vortici

                  centrifuga ebbrezza

                  in spirale l'anima si avvita

                  seta di schegge precipita

                  si deformano cavalli e figure

                  come fuga a favola di risa

                  prosciuga ogni pensiero

                  la sarabanda delle tue luci.

 

 

 

 

                   Ho tra le mani pochi attrezzi

 

 

                  Ho tra le mani pochi attrezzi

                  romanzi di avventure altrui

                  sapori di mie spiagge e periferie

                  sangue e lacrime anche non piovute

                  e l'incognito domani da disegnare

 

                  so essere intero nel frammento ma

 

                  muoio ogni istante da quando son nato

 

                  assaporo quand'è il momento

                  spuma che ritorna all'onda

                  fragilità che non ha perché.

                 

 

 

 

                  Brume al di qua del sole

                  Il sogno

 

 

                  Brume al di qua del sole

                  echi di larve o dei

                  mi abitano

                  non invitati

                  dipingono alfabeto remoto

                  e bevo le immagini

                  oscuro sussurro

                  o voluttuoso giardino

                  ambrosia o assenzio

                  d'ignoto.

                 

 

 

                  Piovasco strenuo

                 

 

                  Piovasco strenuo

                  mi schieno su vetrina

                  aspiro e fumo.

                  

               

                  www.eziofalcomer.blogspot.com


                  EZIO  FALCOMER

                           

 

                  Da La vita picara

                  (Poesie 2007-2010)

 

                  Lanuvio RM

                  Narrativaepoesia

                  2010

 

                

                  Escrescenze di nodi

 

 

                  Escrescenze di nodi

                  delitti di un osare innocente

                  allo specchio sto

                  fievoli fantasmi di emozioni

                  tralucono

                  celiano di bruciori inghiottiti

                  irreversibili ferite

 

                  il passato è solo nella mente

                  vorrei dire, ma

                  cos'è questa viscera che non tace

                  cappio e catena

                  retribuzione di un vivere

                  che solo voleva andare

                  come spavaldo e sereno giocare

                  bambino che non voleva dormire.

                 

                  .

                 

 

                  S’assiepano rodei di odori africi tuoi

                  lungo i vicoli della mia anima

                  ed entro viscere che si consacrano a te

                 

                  divina

                 

                  con la lingua trascorrerò i tuoi petali

                  a bere le gocce di rugiada

                  che sanno di muschio e mare.

                 

 

 

                  Aetos

                 

                  Vorrei un giorno di refoli di luce

                  d'azzurri spasimi di niente

                  e planare su nuvole

                  gonfie d'elettrico e d'immenso

                  aquila

                 

                  dominare cime e urli di baratri

                  con occhi che sanno

                  l'orrore e la bellezza

                  della storia

                 

                  berlo, il calice

                  come un andare a scontro di schiere

                  a bolgia

                  di furia ed amore

                  a dolore attraversato

                  e vedere.

                 

 

 

                  Anastasis ton nekron

                 

                  Sono stato cadavere per secoli

                  ora canto alla luce di una stella

                  mannara e serafina

                

                  vidi gli abeti sussultare

                  su crosta lavica

                  licheni contorcersi

                  aspidi infami

                  su pianure di fuoco

                  e di polveri solitarie

                 

                  lamenti di cavità viscerali

                  budelli di ululati

                  orchidee di apprensioni giallospeziate

                  setose lacrime

                  che non riuscivano ad annegare

                  nei torrenti della vita

                  avida ed incosciente.

                 

 

 

                  Lejos

                 

                  Come un lupo mi aggiro

                  nella notte

                  saturo di coscienza

                  nell'attesa di spegnermi

                  e separarmi da figure parole eventi

                  dove sono i tuoi fianchi?

                  felice la mano

                  si poserebbe

                  lieve

                  calda neve

                  sui tuoi colli addormentati

                  moriria feliz

                  a tu lado

                  mi amor.

 

                 

                

                  Ebbro Ebro

 

 

                  Con questa camicia nera

                  sfondando vetrine di ovvietà

                  piogge fangose

                  sui miei bracieri di anarchia

                  ho camminato il mio miglio verde

                  per averti al prezzo

                  di un'elegia di luce e sinastria

                  senza di te non sono nulla

                  nell'uragano rigurgito sangue

                  e matricidi di civiltà andate

                  il mio vincolo è un tatuaggio

                  sull'odore della tua pelle

                  krishnamurti al kamasutra

                  del tuo incanto di fata celtica

                  piovuta su una terra

                  di silenzi e tori

                  sacrificati.


 

                        Sequestro

                    

                

                        Ti ho sequestrata tra nevi e paludi

                        il vento mi diceva il tuo segreto

                        e cantava la tua vita amara

                        ignara di me.

                        Ti ho come perla

                        libera

                        che sfugge a consuetudine.

                        Ti ho come magia

                        gettata da un'onda

                        sulla riva della mia insipienza

                        stupido e stupito ti ho

                        e non ti ho mai del tutto.

                        Sei canto di ninfa

                        barbara e trasparente

                        fragile agli istinti

                        sei nenia ipnotica che ci si porta dentro

                        inquieta favola che cura e ammala

                        che regala incanti.

                 

 

 

                        Saltimbanco

                  

                 

                        Che ansimare equivoco

                        è il canto che sale

                        da muffe e licheni

                        come strana salmodia

                        manto di emblemi

                        s'innalza da terra amara

                 

                        io respiro fra nevi

                        per secoli di attimi

                        testardo, intimo al sole

                        sempre

                        nuove gocce di speranza

                        e mi contorco alla luce nuova

                        mattino che riannoda parole e amori:

                        saltimbanco sospeso

                        fra il male e la gioia

                        in gola l'urlo bambino

                        che domanda, come seme o spora,

                        sfrontato rigoglio continuo

                        ancora e ancora...

                        

               

 

                        Sei bella miracolo di gheparda

                      

                 

                        Sei bella miracolo di gheparda,

                        scabra luce in fondo alla notte;

                        melmosa calda alga sei;

                        frecce  le mie mani

                        ti inebriano, strette,

                        morbida albicocca.

                

                        Di febbre licantropa e criminale

                        oltraggio sepali tuoi,

                        irragionevole dettame d’amore,

                        mentre

                        in languido afrore marcisco

                        di lotta d’eroi,

                        errando in tuo aroma,

                        tempesta che involve

                        mia lurida anima

                        dannata.

                 

                        Sei stella che ride e s’attarda

                        sul cuore mio che attinse alla notte.

                        Alma falena, le tue mani

                        tracce lasciano su me,

                        diroccato da arsura felice

                        di te.

                 

                        Si addice

                        il miracolo che al  deserto mio

                        s’attarda.

                 

 

 

                        Succubi d'amore

                      

                 

                        La tua carne, infinita domanda

                        dove si placa il caso,

                        il possibile mio non esserci.

                        E il soffio della tua anima

                        è il mio esserci nell'avvolgerti,

                        donna di brivido e di mistero;

                        riempio nell'amarti

                        il possibile tuo non esserci.

                        Perderci nel donarci,

                        ascoltare la pioggia,

                        succubi dello stringerci

                        e dell'amarci.

 

 

                 

                        Come un respiro

                      

                        

                        Come un respiro mi ritorni

                        alle ore di gocce e miele

                        sentirti in emozione e pensieri

                        averti sfuggente e acuta

                        in cuore

                        come orizzonte di gabbiano

                        ascoltarti nel volare comune

                        mangiare e mangiarti

                        i tuoi sonni proteggere

                        folle cerbiatta

                        di ansimi e graffi

                        penetrante liquore.

 

 

                 

                        Un acanto, un lichene

                     

               

                        Un acanto, un lichene

                        e trasmutarsi in liriche di vento

                        come di savana

                        eccedere nel compiersi

                        di favola gitana

                 

                        amare e dire

                        il rosso della sera

                

                        come folle

                        su abissi e sommità

                        raccontare

                        l’odore di gimcana

                        fra corolle di luce

                        e freddi baratri di inerme niente.

                 

 

 

                        Le sere che

                     

                        Le sere che

                        pallidi i convolvoli

                        esclamano smeralda follia

                        si tingono i cuori

                        di un indaco serico

                        e madido amaranto

                        mi scorre

                        nel tacito grido

                        che anela

                        speziati cobalti d'ignoto.

 

 

                 

                        Panismi

                 

                        Sono ubriaco del tuo odore

                        nel dolore del tuo non esserci

                        mordo il mio canto pallido

                        e spasimo in sogno le tue carni

                        come gangetico tramonto

                        selene cananea

                        io strame d'angeli

                        dal mio deserto rosso

                        pastore di ade

                        risata e urlo di fetida foresta

                        t'assalgo in vampiriasi

                        di nenie per zufolo e crotalo

                        sei il mio centro

                        ti scuoto mea domina mio giogo

                        ti rovescio a estatico mistero

                        di respiri di maglio.

 

 

                 

                        Anima predata 

                 

                        Se ti dài irrorata dai miei sguardi

                        straluma la mia anima predata

                        della ritirata brucio i ponti

                        alla lotta vado

                        con riso d'orgia commediata

                        al caos

                        e alla bolgia di sapori e silenzi e assensi

                        che mi trafigge

                 

                        un'isola è ciò che vedo

                        (naufrago)

                        di polpe petali e battigie di sogno la sera

                        mormorio di schiume

                        galassie roteanti

                        su incroci di fiati

                 

                        feroci.

                 

                        www.eziofalcomer.blogspot.com

                  GIANCARLO  MONTALTO

                  da: Quante stazioni mancano alla meta
                  
                  Edizioni Angolo Manzoni, Torino - 2004
                  
                  
                  dalla sezione:
                  I SENTIMENTI, LE COSE
                  
                  Negro
                  
                  Non c'è una vita
                  da vivere altrove
                  che su questa terra
                  e sulle zolle il sangue dei vinti
                  ha ancora il colore dei negri
                  imbarcati.
                  Fabbricante di chimere
                  io sono come loro,
                  sporche le mie mani
                  di negro nato con la pelle bianca.
                  
                  *
                  
                  Perché
                  
                  Perché io ti darò
                  frasi d'amore scalmanato
                  e tempeste d'azzurro
                  negli obliqui orizzonti
                  del nostro ritrovarci
                  assetati.
                  
                  *
                  
                  Sapessi stasera
                  
                  Sapessi stasera
                  le luci sul lago
                  e i lampioni di stelle
                  sul sagrato arlecchino delle voci.
                  E perché dovrei dire quali sono
                  le frasi nascoste da musiche slave
                  che stropicciano l'erba
                  di un canto ballato nella mente
                  sotto il soffitto dei miei occhi chiusi?
                  Non ho sguardi da chiedere
                  né mani da sfiorare
                  mangio ancora chimere
                  e inseguo poesie,
                  saltimbanco di me stesso
                  infagottato nei decenni
                  di una corsa senza traguardo.
                  
                  *
                  
                  Rinasci con me domani...
                  
                  Rinasci con me domani
                  su un marciapiede di periferia
                  tra uomini che volano
                  e uccelli che camminano
                  davanti a case senza porte
                  e occhi senza buio.
                  E se tu vuoi
                  cerca nel cassetto un ricordo sdrucito
                  e cucilo per me:
                  lo indosseremo il giorno dei rimpianti
                  quando la sclerosi degli anni
                  avrà piagato
                  i nostri sogni ribelli.
                  
                  *
                  
                  Senza
                  
                  Senza più luce naviga la nave:
                  dove sono le macerie lo saprai
                  la mia storia la passeggio in croce.
                  
                  *
                  
                  dalla sezione:
                  LE COSE, I SENTIMENTI
                  
                  Rosso
                  
                  Rosso fra le mani
                  questo po' di giovinezza che ti ho dato.
                  Avrei voluto non cercarti mai
                  non essere per te che il manichino
                  cui appendere collane di ricordi
                  da guardare veloci
                  per poi voltarsi via.
                  Avrei voluto cercarti
                  e raccontarti la mia vita nuova
                  lastricata di bulloni sapienti
                  inchiodati
                  sulle ire silenti dei miei giorni.
                  
                  *
                  
                  Domenica
                  
                  Tocca girare da solo
                  lungo i marciapiedi
                  di una domenica da spararsi.
                  Ho bisogno di cieli,
                  una tana non serve.
                  Mi offro un caffè
                  al bancone di un bar
                  sfoglio un giornale
                  e guardo il cameriere,
                  pensando che esiste.
                  Poi torno a guidare
                  con le mani inchiodate,
                  cercando una via più breve
                  per scappare da me.
                  
                
                 http://www.angolomanzoni.it/articoli/leggi/1319
                 

                 <<<


                  

                  Febbraio

                 

                  E’ prato molle di prato il riposo lento

                  dove l’ombra guarda scura .

                  Questa poca luce bianca e liquefatta

                  è stretta in secche dita moribonde

                  vivo di questa luce di rovo

                  fredda di letargo cieco.

                  L’aria torce all’alto raggelata la sua mano;

                  se io potessi riposare come si posa l’ombra

                  vuoto d’incerti passi sordo del mondo,

                                          (cieco del vento

                  vigliaccamente lontano,

                  vedrei d’inverno tremare la prima viola.

                 

 

 

                  Preghiera per l’Italia

                 

                  E il vento del mio dio vacante

                                          (verrà,

                  in sottili soffi a cesellare

                  l’arca e la zana

                  a divellere astute menzogne

                  a svecchiare il suolo.

                  A pulire le mani melliflue

                  di impiegati arrivisti

                  dalle cortesie untuose,

                  a registrare i silenziosi boati

                                          ( della miseria.

                  Verrà a dirmi del nuovo, a dirmi

                                          ( che la morte è già vinta.

                  A dirmi che nessuna foglia cresce

                                          (inutilmente.

                  Nuove parole che non troverò

                                          ( sul dizionario

                  a dirmi di cieli e di barbagli nuovi,

                  di lavoro e di sorrisi, del canto

                  a bocca chiusa d’una balena.

                  Del pino secolare che abbiamo

                                          (tagliato impunemente,

                  dell’erba madre e amica che ci perdona

                                          (e ci aspetta sui prati,

                  dell’arcobaleno che ha i colori

                  di tutte le bandiere del mondo,

                  del gatto custode della casa ,sull’uscio

                                          (ad aspettarci.

                 

 

                  Senza nome

                

                  Eventi come flutti neri della notte

                  mi giungono dal lontano;

                  suoni e luci che del tenue

                  solo gli animali sentono.

                  Ci è chiuso al nostro cieco e sordo

                                          (angolo.

                  Noi di latta di plastica,noi figuranti

                  senza il nome vero delle cose.

                 

 

                  Vico Vegetti

                 

                  I campanili bruni della sera

                  intorno alle costrette vie

                  parlano la musica

                  che si racconta a queste mura.

                  Sogna Dino con me che io non sogni,

                  per me canta che io non canti.

                  L’arte antica dell’ascoltare

                  stringe in questo luogo

                  magica la pietra e l’acqua.

                  Piove lucida e vibrante la corda

                  l’insidia fredda dell’immagine

                  non vince la musica sorgente

                  e in ogni dove e sempre di quel quando,

                  invade Dino il selciato d’acque.

                 

                  “Faccio riferimento al soggiorno prolungato di Dino Campana a

                  Genova (abitava in vico Vegetti ,presso piazza Sarzano)”

                 

                  Piernico Fè


 

 

 

                  POESIA DI JOSE' PASCAL

 

                  (in memoria del terremoto de L'Aquila)

 

 

 

                  L’inizio della fine

                  

                  Siamo qui ad aspettare un semplice sì,

                  un qualsiasi segnale che smuova la nostra testa,

                  che sposti le lancette annodate del nostro tempo,

                  immobili,

                  eppure in un impercettibile movimento continuo teso a

                  ricordare il passato,

                  a consumare quell’attimo in cui un alito di vento ha soffiato

                  più forte portando via il tutto

                  e lasciando qui soltanto, l’inutile resto.

                  Tutto è immobile, fermo, impassibile,

                  eppure lì fuori c’è un rumore assordante, un gran

                  chiacchiericcio.

                  

                  La gente sorride, ci parla, ci abbraccia,

                  ma niente ci smuove.

                  Tutto inesorabilmente tace e scorre senza un presente.

                  Figuriamoci un futuro.

                  

                  E’ solo un brutto incubo - ripeto fra me e me - passerà,

                  niente di tutto questo è vero!

                  Provo a svegliarmi da questo atavico torpore ma nulla ci

                  appartiene, nemmeno la nostra vita.

                  Mi sento soffocare, manca l’aria, si stringe la gola, duole il

                  cuore, soffoca lo stomaco, tremo fino ai piedi, piango e il

                  tempo non passa mai.

                  

                  Ma è già sera e tutto muta e riporta sempre a quell’istante in

                  cui il vento ha soffiato più forte,

                  tutto si è fermato e la vita ha smesso di sorridere e il

                  nostro cuore di sognare.

                  

                  Aspettiamo un altro domani e speriamo nella vita che verrà.


                  [Pensiero estratto dalla scatola di latta]
                  http://parolesemplici.wordpress.com

                  

                  
                  TRE POESIE DI PIERNICO FE'
                  
                  
                  
                  NAVIGARE
                  
                  
                  Meglio è per me
                  vedere l’ombra salata e abbagliante
                  salire fino sulle prue infinite
                  pronte e vive del proprio fiato affannato,
                  come di chi cumulata la forza
                  sia pronto a proromperla sui cento mari;
                  vibra sotto il cielo sbiancato di nuvole alte
                  vibrante la bitta di gomene e catene.
                  
                  
                  Annusano marine lontane
                  i tendini d’un metallo viaggiante.
                  Nave incline alla luce ...
                  aspetta, frena il tuo squassante urlo
                  rinuncia alle tue onde sferzanti
                  alla tua mole,
                  non fare che si parta di giorno .
                  Noi domani tra le lenzuola azzurre della luna
                  quando il solo suo cianotico lume ci vede
                  la tua prua migrante mi sarà padre e madre.
                  
                  *
                  
                  
                  RITORNARE A CASA
                  
                  
                  Cammino tra case di mattone
                  come vele piegate al vento del lavoro,
                  per questi pochi e grandi anni.
                  
                  
                  Un figlio, un albero amico;
                  dal filo incandescente che mi illumina
                  ombre scure e balenii leggeri.
                  
                  
                  La minestra d’una mano amica, mi sfama
                  l’otturatore dei miei occhi raccoglie una luce
                  e d’una cortina affanna l’immagine.
                  
                  
                  Acque finalmente dai botri antichi
                  mi trascinano in sogno, al mare
                  a lasciare strade.
                  
                  *
                  
                  
                  PAROLE IN LIBERTA’
                  
                  
                  E lasciatemi scrivere
                  quel che più vedo,
                  e cosa d’altro?
                  E lasciatemi mordere l’aria
                  con una verga d’ulivo,
                  come facevo da bambino
                  ad ascoltarne il fischio.
                  Lasciate a me le parole sgangherate
                  quelle usate e consumate,
                  che io le possa trapiantare
                  in terre aride invase dal timo,
                  che le possa ritrovare
                  chi passa a caso.
                  E lasciatemi scrivere
                  dei carcerati, degli affamati,
                  dei condannati a morte,
                  dei condannati a vivere,
                  di una donna senza una casa,
                  di una casa senza una donna.
                  Lasciatemi scrivere su un muro
                  Libertà!


                   

                  

                  POESIE DI NICO

                  (durante una permanenza nella Repubblica Dominicana)

                  

                  

                  RUMORI DI SERA

                  

                  Rosso sul muro in questa sera nata,

                  che ali di nubi il giorno

                  hanno bagnato a croscio,

                  la luce qui rimasta ancora un poco

                  a vincere la nave della luna,

                  piano si sfà lucida e sfinita.

                  

                  Nella placida oasi d’ombra fatta

                  s’appende lì il mio vedere, e guardo;

                  passa e saluto l’uomo in bicicletta

                  e la sua ombra rincasa fischiettando,

                  dalle finestre nei gesti della cena

                  si canta della sera ch’è serena.

                  

                  Si dice delle cose di domani,

                  parla una figlia giovinetta

                  del compito e della camicetta,

                  vive le ombre danzano sul vetro

                  danza il ciarlare di stoviglie quieto,

                  danza la luna del suo lume bianco.

                  

                  *

                  

                  SAMANA’ 1994

                  

                  La notte mi guarda da ogni lato

                  mentre dormo su questa terra che naviga.

                  Ronza alle sei finalmente il ventilatore,

                  in cucina resuscita il frigorifero

                  e i galli della vicina strillano i loro buenos dias.

                  

                  

                  La terra di cacao fuma la sua polvere,

                  nell’aria d’uragano le nuvole afroamericane

                  cesellano il cielo di pioggia,

                  raccontano storie di magie antiche

                  e il tuono con rumore di bottiglie

                  mi fa giorno dentro.

                  

                  

                  Piove il brodo tiepido del Caribe

                  d’arcobaleni e musiche,

                  piove sul mio tamarindo che parla italiano.

                  Il primo colibrì alle sette bacia l’ibiscus:

                  piovono sole, pioggia e canzoni

                  che la radio non ha mai suonato.

                  

                  

                  Strilli, fischi, sorrisi, saluti.

                  

                  

                  Intorno gronda pesante di pioggia,

                  la palma offre la sua chioma al vento

                  e come una ragazza ne fa vanto,

                  danza padrona d’una danza

                  mostrando il palmo chiaro delle mani.

                  

                  *

                  

                  TERRA

                  

                  Dov’è il muro squassato d’anni, è qui?

                  è il fico selvaggio che preme la porta che non s’apre?

                  è la falce che canta armonie di ruggine?

                  E’ terra l’angolo dell’uomo,

                  sussurra appena d’un fiato antico il segno,

                  parla piano d’acqua e di pietre

                  e odora di limoni la terra e le mani.

                  

                  

                  Restano chiusi d’una porta cigolante

                  i miracoli in sogno,

                  a meraviglie d’archi e di pietra

                  a sconosciuti guadi

                  per i remoti luoghi vicini che s’inverano.

                  

                  

                  Se un lampo ci acceca

                  e apre nuovi attimi ai sensi

                  a raccogliere verdi cieli inusitati,

                  le nuove lingue parlate ci somigliano

                  ci scavano giù, dentro, in fondo,

                  nei torrenti antichi che tentano la roccia.

                  

                  

                  E ci s’accorge

                  di come tutto è traguardare

                  con un occhio solo per una fenditura

                  aperta per miracolo.

                  

                  

                  Piernico Fè

 

 

 

 

                  LORETO ORATI

                  [Da Facebook]

                  

                  

                  DOVE FINISCE L'INVERNO

                  

                  E' così lungo l'inverno di questo tempo,

                  così tante le cose che mancano,

                  le fabbriche cedono sotto la neve,

                  al vecchio saggio non rimane che un solo pezzo di legno,

                  provo a voltarmi verso il futuro ma sono cieco,

                  allora cerco te,

                  nel tuo abbraccio, non può che esserci la primavera...

                  *

                  

                  

                  FRAMMENTO NOTTURNO

                  

                  Mi lascio cadere dentro la notte,

                  tra questa luna accennata e una stringa di sogno,

                  il prossimo giorno non è attesa, solo ipotesi di luce,

                  rassicuro le ombre e cedo al silenzio,

                  nell'inevitabile stanchezza che mi scuote

                  sento arrivare il momento della bella quiete,

                  mi concedo solo un ultimo ricordo,

                  le tue mani e la mia resurrezione...

                  *

                  

                  

                  NEL BAGLIORE DEL TUO RITORNO

                  

                  Che vaghi pure il mio sguardo da stella a stella

                  nelle ore della tua assenza, come un precipitare nella notte,

                  che si perda pure, tra Arrakis e Betelgeuse,

                  tra questa terra e la sponda opposta del cielo,

                  ma tutta questa bellezza che mi graffia il cuore,

                  cos'è poi tutta questa bellezza, se non l'eco di un canto,

                  quando ogni costellazione si spegne, nel bagliore del tuo

                  ritorno...

                  

                  *

                  

                  

                  OGNI LUCE POSSIBILE E' SOLO LA TUA OMBRA


                  Sono nato a mezzogiorno,
                  lontano dalla notte e dalla ferita del novilunio,
                  ho guardato i giorni d'eclisse con gli occhi colmi di Sole,
                  ho rinnegato il tramonto come un tempo di meraviglia,
                  poi ho incontrato te, figlia del bagliore,
                  ora so che ogni luce possibile è solo la tua ombra...

                  Giordano Genghini

                  

                  Da “Ritorni”, nella pagina di ilmiolibro.it

                  

                  L’OLTRE

                  

                  L’oltre è oltre i veli di infiniti cieli.

                  L’oltre è oltre le porte e il vento e il vetro.

                  L’oltre è nascosto: dietro

                  la sorte, e non si trova in nessun luogo.

                  L’oltre vede chi gioca scaltre carte:

                  forse ride, oltre il tempo, oltre il disperso

                  minuscolo universo

                  che fra i più vasti universi si affretta.

                  L’oltre scherza: sa già cosa ci aspetta

                  oltre l’ultimo gesto, quando è tardi,

                  oltre respiri, oltre palpiti e sguardi.

                  Ogni suo segno è una voce sommessa

                  e ogni traccia che lascia è sconnessa.

                  L’oltre scommette e con l’angoscia caccia.

                  L’oltre ti guarda in faccia

                  e non lo vedi, e parla benché taccia.

                  L’oltre ti invita, e non lo sai, con dita

                  invisibili, o buffi

                  guizzi del cuore, o tuffi della vita.

                  Va a stantuffo. Sorprende, quando sboccia.

                  L’oltre all’uscita attende: l’oltre alloggia

                  in una goccia. Ti prende con la brezza

                  e la sua coltre ti avvolge di pioggia. 

                  

                  *

                  

                  E anche noi ce ne andremo  

                  

                  

                  E anche noi ce ne andremo a poco a poco

                  da questi giochi tessuti dal tempo.

                  Respiri e mente lasceremo, muti

                  nel vento. E già ci pare

                  di svanire, e si ferma già la mano

                  e la parola nella cava gola:

                  lucciola al freddo dell’autunno, suono

                  di spenta nota stonata del piano.

                  Andremo nel segreto, luci d’ombre

                  quiete,  in attesa già della partenza

                  o senza abbracci e senza addii, sorpresi,

                  al lungo viaggio. Sarà forse inverno 

                  o forse maggio. Andremo: nell’assenza

                  di sguardi, al giorno notturno, con gli occhi

                  velati come stelle

                  nere sperdute, o come fuochi strani

                  fatti cenere, o come ali di foglie

                  tenere, che la bora sopra i rami

                  divora. E sarà tardi per restare

                  per un minuto ancora

                  vicino a lui, vicino a lei, a guardare

                  le cose: visi, reti di onde, lieti

                  sorrisi, rose, petali di mare.

                  

                  

                  *

                  

                  

                  Sarà forse domani

 

 

                  Sarà forse domani, con un fioco

                  soffio di mani, o un fuoco

                  di specchi spenti: accanto a me rimani

                  come in un quieto gioco ancora un poco.

                  Qui, nel paesaggio d’acqua e i voli vani

                  di ali, resta ancora per un’ora

                  pure se è tardi: insieme a me rimani

                  fra voci e gesti nella pioggia, e tersi

                  sguardi fra luci, strani

                  occhi degli anni e dei millenni, persi

                  nel tempo che cancella gli universi

                  e l’orma di ogni stella

                  dal cielo nero. Il teatro di vetro

                  scherma la mente breve con la vela

                  nata dal fiato leggero. Ecco, infine

                  dal vuoto, dall’ignoto, il lieve velo

                  infinito dietro il veliero appare

                  fra maschere di neve e fine argento

                  e avvolge il mare stupito dei volti

                  oltre i giorni e i ricordi e oltre le frante

                  forme delle ombre. Svaniscono i bordi

                  delle cose, fra le violente corse

                  e le spezzate onde

                  di rondini, ferme nel vento: forse

                  termini della landa assente, forse

                  ritorni dal niente.


 

                  

                  FERNANDA FERRARESSO (FERNI)

                  

                  Ringraziare ora e da qui desidero

                  da questo corpo in cui mi trovo adesso

                  per il tempo che mi è concesso

                  lo scorrere divino  il perdere tempo   per ritrovare nello

                  spazio

                  ciò che credevo altro.

                  Ringraziare desidero ancora

                  quell’ora che si nasce e ci nasconde

                  in tutte le più piccole e feconde dinastie del niente

                  nei labirinti delle storie nelle creature create da parole

                  comunque  fatte

                  di terra e di cielo di carbone e di diamante  tra le fessure 

                  della mente

                  le creature cresciute nella roccia di un dove

                  tra sconosciute arene di galassie che non hanno sponde.

                  Ringraziare e ringraziare ogni giorno vorrei

                  con le braccia aperte questo immenso che non colgo

                  se non per semi e bulbi per piccolissimi occhi

                  che  mi sono gemelli   tutti i cristalli

                  le algebre e le geometriche divisioni che moltiplicano

                  le incommensurabili misure delle onde

                  l’amore che scompagina ogni compagnia terrestre il dio che si

                  fa

                  pecora insetto e bocca un travaso di suoni e un gorgogliare

                  d’acqua

                  la mistica intemperanza del rosso delle fragole e del sangue

                  il canone ambizioso della neve   lo splendore del suo abbaglio

                  il trifoglio

                  il fuoco e il senso della cenere quando in un soffio

                  mi mostra il vento e  lo stupore grande dentro le minuscole o 

                  che  pronuncio

                  Ringrazio e  abbasso l’io in ginocchio al più infimo scalino

                  nella sapienza del basalto

                  dentro il ventre di un oscuro futuro già nel mio osso

                  ringrazio ringrazio per ogni palazzo di ghiaccio per la corsa

                  della lepre

                  e la savana e il gattopardo

                  e ancora ringrazio per tutto il silenzio che mi beve

                  l’orecchio e in cui disseto

                  la mia ansia più temibile e fruttuosa

                  ringrazio per il legno del mio polso per il picchio e la

                  picchiata  che lo scrive

                  ringrazio la musica del fiato ogni respiro che mi ha

                  ingigantito

                  nella identica misura di questo corpo invecchiato

                  ringrazio per il grano e la farina di una mano

                  ringrazio per le  foglie della menta e un filo d’erba nel

                  prato per gli spilli d’intelletto

                  per le formiche i pipistrelli e i melograni

                  per il sorriso sdentato di tutti i vecchi che ritornano bambini

                  ringrazio per i cucchiaini per il miele e per le api che lo

                  hanno preparato

                  ringrazio gli aquiloni che altrove mi hanno trasportato e i

                  manichini e anche per i matti

                  tutte le follie che mi hanno salvato

                  e anche ringrazio per i manici di scopa e le mollette del

                  bucato

                  per il minuscolo foro dell’occhio in cui s’insedia l’universo

                  senza perdere un pezzo dell’intero.

                  Ringrazio per l’amore e il dispiacere di averlo perduto

                  per averlo cercato e di nuovo perso in un cammino erto

                  che ho dovuto compiere come un cieco nel nero e nel mai vero

                  nel pozzo senza fondo della claustrofobia del mondo

                  ringrazio per il morso del mio cane per il gracidare delle rane

                  per i grilli del campo e quelli che mi suonano la testa

                  ringrazio per tutte le volte che ho condiviso la festa

                  per i violini e le viole per il latte delle mamme

                  per tutti gli alberi dell’orto e  i frutti e i nidi

                  Ringrazio per le epopee delle messi e le bacheche multiformi

                  delle nuvole

                  per il miglio e le migliaia di impronte ritrovate sul mio

                  cammino

                  per il bruco e il bricco del vino per un catino di suoni

                  quando la pioggia vi suona le sue arpe

                  ringrazio per tutto ciò che non ha ancora un nome

                  dentro la mia biblioteca di inesauribili precipizi per tutti

                  gli esercizi

                  e gli errori che ancora commetto per ogni dettato

                  e per l’inchiostro per la penna e la tela che lo ha accolto

                  per la fionda dell’alba che dritta lancia ogni giorno fino al

                  tramonto

                  e poi ripesca il sasso nel grande baratro notturno

                  ringrazio il piede che ad ogni passo mi sostiene

                  e la mano che con altre mani trova l’incontro.  Ringrazio.

                  Ringrazio il pianto di una quercia lucente e il segreto di un

                  sasso

                  tale e quale sono e siamo  esposti alle onde di un oceano

                  infinito

                  questo perdere ogni attimo e  sentirsi  presente nel corpo

                  d’ombra sognato.

                  

                   [grazie ferni per avermi concesso di condividere questi tuoi

                  splendidi versi]

 

 

 

 

 

                  

                  LORETO ORATI  [da Facebook]

                  

                  I PASSI DEL PADRE

                  

                  I giorni si fanno martirio, impotenza,

                  i passi del padre si trascinano con il mio futuro

                  verso l'abbandono, dentro la memoria,

                  di così poco amore ho nutrito gli anni già dimenticati,

                  di ancor meno parole,

                  ed ora, tutta questa fatica, questo lento avanzare

                  verso la sponda più lontana della notte,

                  questo mio pentimento,

                  un figlio non ancora padre, lontano dal padre,

                  mentre il tempo si fa sipario, ed il teatro si svuota,

                  mentre l'emozione del danzatore già diventa ricordo

                  sul palcoscenico del crepuscolo...

                  

                  *

                  

                  IL NOME DI OGNI LUCE CHE CONOSCO

                  

                  Stanotte voglio strappare il tuo corpo al rifugio

                  dell'oscurità,

                  

                  al dono della sonnolenza,

                  

                  accendere un fuoco nel bivacco del desiderio

                  

                  perché possa illuminare i tuoi fianchi,

                  

                  pregare ogni frammento di Sole sopravvissuto

                  

                  perché trovi salvezza dentro i tuoi occhi e diventi la mia

                  prossima alba,

                  

                  stanotte voglio pronunciare il tuo nome, con la chiarezza

                  degli insonni,

                  

                  perché le ombre sappiano, finalmente, qual'è il nome di ogni

                  luce che conosco...

                  

                  *

                  

                  LE TUE LABBRA SONO UN ROSSO VELIERO

                  

                  Le tue labbra sono un rosso veliero

                  ed io ti attendo, come acqua da navigare,

                  mio è il senso di ogni mare,

                  mia la rotta che ti conduce,

                  mio il profumo dei giardini che hai lasciato,

                  nascosto nel vento che mi solleva in onda,

                  e nella prua che si confonde al mio oceano

                  io tremo, e ti accolgo, e cancello tutte le tempeste,

                  restano rovere e sale a confondersi, come in un bacio,

                  sotto stelle imminenti a cui dare il nostro nome...

                  GIORDANO GENGHINI
                  
                  DA “LA VETRATA NERA”
                  
                  
                  Certo lo so mentre si fa vicino
                  dice il vecchio bambino
                  mi divorano il corpo e poi la testa
                  il bambino lo dice lo ripete
                  si siede
                  dice ho sete
                  certo
                  poi la testa lui dice
                  nascono funghi in resti di pensieri
                  che divorano involucri
                  di lunghi
                  sguardi bianchi
                  di grigia spugna
                  e di grida
                  certo ripete poi ridendo forte
                  con gli occhi ciechi pieni di paura
                  è soltanto un involucro
                  spugna grigia e nient’altro
                  così ripete ho sete e grida e beve
                  e ha sete ancora - io vedo nella neve
                  candida pura prima della pioggia
                  che in grigio fango
                  affonda e affoga volti e cose belle
                  che le scioglie e in poltiglia fa le stelle
                  e un grido ripercorre i corridoi
                  il grido della notte che sta male
                  ma non muore - legata
                  al letto di ospedale
                  e al cervello spaccato ed al suo cuore.
                  
                  
                  
                  
                  
                  ORA LE TEMPIE
                  (VARIAZIONE DA “RITORNI”)

                  Ora le tempie sfiorano del tempo
                  stormi di luci
                  e il mondo tace, ed ora il volto intende
                  un ventar d’ali, ed al bianco chiarore
                  densi rami offre al volo
                  l’albero della pace: e di polito
                  argento ricamata alba riluce
                  ed ornano la notte
                  nubi di seta e d’oro. L’universo
                  s’apre fiorito in musica e infinite
                  forgia forme
                  di resina forbita, ed aria, e labili
                  orditi di gemmate filigrane
                  e di azzurri velami, e oltre la soglia
                  invisibile si apre e corpi schiude
                  fra lievi tracce. Dorme
                  forse, stesa sul dorso fra le viole
                  l’ombra abbracciata al sole
                  e dita brune e foglie e aiuole e orme
                  e germogli di canti
                  si aprono in noi, donandoci monili
                  di lune e voli e scale e foglie e giri
                  - labbra e sorrisi, e incanti di respiri.
                  
                  
                  
                  
                  
                  CETTINA LASCIA CIRINNA’
                  
                  ricordo persistente

                  ... e ti ritrovo a sprazzi
                  nei miei pensieri
                  seduto comodo
                  ... con aria scanzonata
                  con occhi calmi
                  smaniosi di vita
                  luccicanti di passione
                  ed io per te
                  scalo montagne
                  attraverso deserti
                  navigo per mari sconosciuti.
                  Adesso ho imparato
                  a catturare nel sogno
                  un indizio
                  un particolare
                  un segno
                  che mi rimanda
                  puntuale
                  al tuo ricordo.

                  Erba, 5 aprile 2011
                  
                  
                  
                  MICHELA ZANARELLA
                  
                  NEL TEMPO DELLA LUNA

                  Mi sfiora ogni notte la tua anima
                  e nel tempo della luna
                  il silenzio cerca tra le lenzuola
                  le acque di un amore in fiamme.
                  Mi sveglia una luce di ciglia
                  assetata della mia carne.
                  La passione vive quando ancora
                  il cielo tace.
                  E quel frugare tra le labbra
                  eternità,
                  quel gridare all'alba il volto del piacere
                  è eco di paradiso sul cuore.

                  GIORDANO GENGHINI

                  DA “LA VETRATA NERA”
                  (Sez. 17.)

                  Forse è domenica - forse è ancora maggio
                  verso il sorteggio
                  è pronta l’urna letto fra le sbarre
                  verso le cifre bizzarre
                  oltre i sentieri antichi e l’erba nuova
                  oltre lontane grida di corvi
                  oltre steli che tremano nel vento
                  l’urlo nel corridoio è forte ora
                  e nel cortile dell’ospedale
                  niente più pezzi di rami
                  amianto sbriciolato come squame
                  di pesce grigio
                  più nessuno lavora non c’è gente
                  la vetrata nera
                  ricopre la città il cielo le forme
                  quella vetrata nera enorme taglio
                  nel ponte nel cervello l’osso il cranio
                  che divide la mente
                  di un albero tagliato resta il segno
                  vuoto e un ascia lasciata dentro il legno
                  morto e la traccia delle orme ed il sonno
                  e il niente - tutto è spento
                  e un ragno pende dal filo nel vento.

                  <<<

                  "Forse l’orizzonte offre la stella mattutina
                  dai falsi contorni per ricattare la carne
                  modulando le ore leggiadre che lasciammo
                  per approdi del flauto,
                  o raccattare le più che povere stagioni.

                  Ho cercato un passaggio per l’eterno,
                  per quella luminosità che in Cristo
                  la mia pelle di umano, ferito nel conflitto,
                  traspare nelle tracce di incursioni.
                  Non conclude la parola , il verbo pregno,
                  nei sedimenti allertati della fede,
                  cerco ancora quel codice sospeso
                  lungo le pieghe della mia stanchezza."

                  Antonio Spagnuolo


                   ENRICO BESSO

 

                  Da "Anni di vento"

 

                  *

                  Più forte già di me

                  del mio dolore,

                  nel cerchio di un inutile frammento,

                  il male, infame,

                  viene pronunciato a mezzabocca,

                  quasi sottovoce,

                  – ché a dirlo forte forse ti contagia? -

 

                  Quando sorrido a cielo aperto al giorno,

                  nell'ora scarsa d'ambra del mattino,

                  il mio tumore appare all'orizzonte

                  s'accende lentamente

                  e mi riscalda.

 

                  *

                  Sorpresi a declinare amori stanchi, noi,

                  uomini di una stagione sola,

                  nel – fumo uccide –

                  ché la vita invece anche,

                  col capoufficio che ti tocca il culo

                  e tu che – non l'ha fatto apposta! –,

                  viviamo di candeggi in lavatrice,

                  un euro d'enalotto nelle tasche

                  e l'agenzia di viaggi nelle scarpe.

 

                  *

                  Smorendo al cigno della sofferenza,

                  il male, sgomita derive

                  e làcera cenacoli di sedie vuote,

                  prede intessute alla stessa ragnatela.

 

                  Poiché, noi, figli siamo di un’icona

                  – un michelangiolesco cristo in croce –.

 

                  *

                  S'annotta a strati chiaroscuri,

                  il giorno in fuga dalla cieca voce al muto sguardo,

                  sordo, all'onda immane,

                  traligna incerto nei sudari senza nome.

 

                  *

                  Scrivo a braccio, sul braccio,

                  o forse è meglio dire

                  ch'è il braccio che mi scrive,

                  spesso monco delle parole che non sa contare

                  – a undici si stacca –.

                  Sordo al ritmo

                  (non può essere altrimenti!) degli accenti

                  e muto in quarta, ben venga,

                  trapuntato in quinta.

 

                  Il poeta scrive coi piedi,

                  non tutti i poeti, vero,

                  ma la figura rappresenta il tratto

                  e a me, stasera, puzza la parola.

 

                  *

                  E lavala tu questa poesia,

                  con un riflesso assonico di luce,

                  un po' d'azzurro strappato dal cielo,

                  l'atarassia dell'animo felice.

 

                  Stendila nell'assolo di una stella,

                  sulle tre corde della balalaica,

                  tra le coccole rosse dei ginepri

                  e nel profumo della violacciocca.

 

                  Stirala a fuoco lento sulla brace

                  con lamine cromate di vibrafono

                  e infine indossala come calendula

                  sanguigna e vai controvento all'inferno.

 

                  *

                  In quell'andare a struscio muro d'ombra,

                  sfugge, tra un battito di ciglia e l'altro,

                  l'ora del giorno che si appresta a sera

                  e mi dolora, genuflesso,

                  l'ansia nel dormiveglia tra la pietra fredda

                  e l'incartare del sole

                  in persiane rigate a coltello dal vento.

 

                  Come il muso del cane, che mi somiglia,

                  scompiglio l'ombra a questa vita morta

                  nel segno dei miei denti sulla mela.

 

                  *

                  Di quell'ossuta mano a ravviare, lenta,

                  l'azzurrità del cielo, madre,

                  ho qui davanti a gli occhi il gesto stanco

 

                  e a mezzasera,

                  in questa attesa assurda della fine,

                  pare appoggiarsi, fredda, alla mia spalla.

 

                  Fuori, avanza svelto,

                  il passo silenzioso dell'autunno.

 

                  *

                  Dicotomie di amori in bancarella (un mazzo dieci euro)

                  e a calci e spinte e ghirigori farsi largo al cuore,

                  ché avvicinatevi signori, noi, svendiamo proprio tutto

                  anche quel misero pudore che ci resta.

 

                  Amori freschi, appena colti, sguardi che se prendi tre,

                  rischi di pagare mille volte d'averne lasciato uno

                  e poi sedie vuote e posti a tavola per chi non c'è,

                  non ci sarà mai più.

 

                  Solitudini, listini senza prezzo su ricordi stinti

                  come quei jeans che non ti vanno

                  e odio per le buste della spesa,

                  per le comari a contrattar lo sconto,

                  ché Marianeve, lei, non ha mai detto una parola

                  e cucinava bene.

 

                  *

                  Conosci questo passo lento, notte,

                  e la tua solitudine è la mia.

 

                  Come ortica di mare sfuggo l'onda,

                  quest'avido tempo senza memoria,

                  queste pietre che traspirano angoscia

                  e questa penna senza fantasia.

 

                  Ed io vorrei potere farmi foglia

                  per mordere l'acqua chiara d'ottobre

                  e diventare aeroplano di carta

                  per bestemmiare più vicino a Dio.

 

                  Dipoi disfarmi in rucola selvatica,

                  spicchio di limone agro nel the

                  e sabbia, sale, vento e infinità,

                  nel cielo che si fa di rame io ...

 

                  *

                  Sferza la pula al viso forte il vento

                  e di granaglie l'umido sapore,

                  tra vagolanti stelle dispettose,

                  nel cielo stinto con la varecchina.

 

                  Ti ho vinta ai dadi tanto tempo fa,

                  fuori pioveva l'acqua di settembre

                  e l'abbuzzire dell'età sul seno

                  già s'accosciava al buio della strada.

 

                  L'Italia – casachiesa di puttane –

                  nel tuo parlare così tanto strano

                  e il pane nelle patte sbottonate

                  sapeva della casa in Albania.

 

                  Adesso non è facile spiegare

                  perché ti porto i fiori al cimitero.

 

                  Un soldatino blu

                  Papà, stammi vicino,

                  tienimi forte stretto a te,

                  ritorna insieme a me un po' bambino,

                  giochiamo ancora a fare il karatè.

 

                  Tu sarai Zorro ed io farò il cavallo,

                  con le pistole come quelle dei cowboy,

                  a Ciccio, il gatto, faremo fare lo sciacallo

                  e ai canarini nella gabbia gli avvoltoi.

 

                  Papà, non ho la forza di saltare ...

                  sento le gambe senza peso, molli molli,

                  ho freddo ... ed ho ripreso anche a sudare ...

                  ti raccomando l'album con i miei francobolli.

 

                  Col trucco della mamma sarò il tuo capo indiano,

                  ti legherò a una gamba del tavolo in cucina,

                  col casco della moto diventerò un marziano

                  e la tua penna a sfera sarà la mia antennina.

 

                  Papà, non riesco più a tenere gli occhi aperti!

                  Papà, non posso più quasi parlare!

                  Papà, ora sei qui! Ora che posso averti...

                  sento una voce che mi chiama ... devo andare ...

 

                  Hai chiuso gli occhi, ora non soffri più

                  e il tuo papà rimane solo qui a giocare,

                  coi tuoi balocchi, un soldatino blu,

                  addio bambino mio ... non mi scordare ...

 

                  Un ragazzo antico di Calabria

                  Sul barroccino di frutta e verdura

                  incorticato all'angolo del corso,

                  lupini e fichi d'india scintillavano

                  nell'acquolina in bocca dei ragazzi.

 

                  Erano gli anni della pasta e sarde,

                  del falco pecchiaiolo in aspromonte,

                  delle ginocchia sporche e spellacchiate,

                  del gracidare greve dei bufoni.

 

                  Sfilava tra le case abbarbicate,

                  nell'aria di ricotta stagionata,

                  la processione con l'astile in testa,

                  ricordo il barbugliare del torrente,

                  i pantaloni corti e nelle tasche,

                  un piccolo confetto d'anicino.

 

                  Pescatori

                  Io non dirò di loro che dal mare vengono

                  e al mare, come bambini, vanno.

 

                  Non vi dirò del sale sotto sole,

                  degli occhi persi all'infinito,

                  dei lumi accesi a notte nelle case.

 

                  L'onda riporta sempre ciò che prende

                  e io non vi dirò di ciò che ho dato.

 

                  *

                  È un violino impazzito

                  l'urlo rauco del mare in tempesta,

                  la corda tesa nelle notti insonni,

                  quando la luna zoppa

                  sgrolla alta di luce opaca

                  la strada del ritorno.

 

                  Quanto fango su questa nostra storia,

                  quanti occhi di pianto al cuscino.

 

                  Lascia che il volo delle ciglia

                  baci la curva delle labbra,

                  che segua il segno oscuro

                  delle piccole rughe sul viso

                  e nel vento,

                  a riccioli scolpiti dalla pioggia,

                  gridalo forte il tuo orgoglio di donna ferita,

                  ché nel silenzio dell'alba

                  anche un richiamo può essere amore.

 

                  Il profumo dei limoni

                  E porterò con me il profumo dei limoni,

                  i cerchi intorno al fuoco a fine estate,

                  gli amici, i giochi, i cori, le canzoni,

                  i bagni a mezzanotte e poi le serenate.

 

                  Li porterò con me quei vetri colorati

                  e quella casa bianca in riva al mare,

                  il canto dei delfini innamorati

                  lo porterò con me, non lo potrò scordare.

 

                  Avevi gli occhi al cielo a far l'amore,

                  la prima volta sotto gli ombrelloni

                  e ci batteva forte forte il cuore,

                  tra l'onde di granito senza suoni.

 

                  Pelle brunita tra i capelli un fiore:

                  sabbia, sole, mare e il profumo dei limoni.

 

                  Anni di vento

                  Erano gli anni di cose proibite,

                  dei primi turbamenti, i primi ardori.

                  Anni di mosca cieca e margherite,

                  dei baci di nascosto, i primi amori.

 

                  Erano gli anni a balli stretti stretti,

                  di cuori sul diario e di colori.

                  Anni di banchi a scuola, di biglietti:

                  – dopo la campanella aspetto fuori. –

 

                  Erano anni che non puoi capire,

                  guance di mele rosse, d'oro e argento.

                  Anni che non potranno più venire,

                  parlano sottovoce e io li sento.

 

                  Ora che si avvicina l'imbrunire,

                  penso a quegli anni miei,

                  anni di vento.

                  POESIE DI LUIGI GIORDANO
                  
                  
                  È un ventaglio rigido, fermo.
                  Puoi solo distinguere velati pastelli
                  dalle palme egiziane,
                  un’aria triste da signora
                  sorseggiare l’umido frutto tropicale.
                  E’ un’ombra che oscura il mio cuore
                  dove pietre di mare dagli occhi bagnati
                  scrutano incessanti le forme dei mille piedi
                  sprofondati impunemente sulla mia levigata
                  esistenza profanando la costa
                  tomba e silenzio
                  dei tuoi occhi verdi come la pietra
                  che come Pietro
                  mi adagiavi su comode reti
                  dove il tramonto consumato
                  ti prendeva per mano incalzando la notte.
                  
                  *
                  
                  Sui tetti rossi rotola il vento
                  strappando le ombre dei pali
                  da quella strada che fu tutto per noi!
                  Violento piega i raggi del sole
                  come quell’ultimo ramo
                  su nel cielo, spezzato per una mela rossa.
                  Nulla fa più ombra ,
                  neppure il gatto dal muso tondo e i baffi teneri
                  che usciva solo per amore.
                  Sibila forte, e chiama a raccolta le ultime barche
                  dietro i raggi del sole
                  ardito censisce le tenebre a raccolta,
                  lo puoi vedere quando dal cimitero
                  cala e ti porta orgoglioso
                  notizie dei morti, vasi e fiori ne sono testimoni,
                  e quelle lettere,
                  quelle lettere, dal bordo dorato
                  fecero calare un cupo silenzio.
                  
                  *
                  
                  A pezzi i miei muscoli
                  Lottano con la bava del mare
                  Le mie ali sbattono immergendo
                  La testa nell’onda
                  dell’infinita circonferenza.
                  Non temo la profondità,
                  o le reti dell’anima
                  Che nel tuo agitare
                  Più stretto fa il nodo.
                  
                  *
                  
                  Cammino dentro l’agosto dalle pareti roventi
                  Sono carico di profumi e grilli e piccoli animaletti
                  La curva della costa disegna una ruga profonda
                  Fatta di schiuma bianca e pietre, e sopra la lunga ferrovia.
                  Com’era azzurro e calmo quel giorno il mare
                  Pareva che il cielo si fosse disteso incantando i pesci
                  dopo aver bevuto.
                  Dal passato compare una culla, una culla
                  In pieno azzurro colma di festa e gioia .
                  Per poco tempo.
                  Chi ha memoria ricorda solo tanti corpicini
                  Avvolti in lenzuola sulle pietre di un mare tanto sognato.
                  
                  *
                  
                  La nebbia è caduta all’improvviso
                  E con un respiro profondo palpita,
                  si muove, arrossisce, nascondendo le canne
                  Rifugio di intime relazioni.
                  E’ simile al colore delle anime
                  Imprigionate dalle reti nel ricordo di mio padre .
                  Vieni, incamminiamoci
                  passando sulle morbide alghe
                  così non lasciamo tracce.
                  Il vomito del mare giace
                  Allineato come è stato posto dalle onde.
                  Vieni, presto, raggiungiamo le canne
                  Prima dell’alba,
                  prima che il sole sciolga i nostri corpi di neve.
                  
                  *
                  
                  Tutto tremula sotto il sole dei vicoli,
                  da lontano una lastra di calore
                  si erge dall’asfalto agitando le sagome
                  di uomini senza ombra
                  le cose ,le vie ,le strade sembrano mute
                  e sospese
                  attraversando la piazza ormai senza pelle dal calore
                  mi ungo del sacro della chiesa
                  portando con me l’inconfondibile
                  cigolio della porta
                  un raggio profana la calura
                  attraversando il costato di Cristo dall’alto della vetrata,
                  tutta la speranza è riposto sul sorriso
                  d’un bimbo tra le braccia della madre
                  e l’enigmatica versione degli apocrifi
                  
                  *
                  
                  ANNI
                  A sera, da anni cammino
                  Sulla cornice del mare
                  quando l’aria sta per cambiar stagione,
                  quando la luce riverbera gli occhi,
                  e per un attimo come i sogni
                  disseminati sul percorso
                  ti rivedi come in uno specchio,
                  mille volte, ma sempre la stessa immagine
                  uno dopo l’altro gli anni ti abbandonano
                  e come in uno specchio si moltiplicano
                  e si genuflettano davanti all’ultimo.
                  
                  *
                  
                  Davanti al mare
                  apro lo scrigno
                  delle promesse
                  e con le orecchie tese
                  come un gatto peso
                  i rumori della scogliera.
                  Vivida e sprezzante si infrange
                  come un ricordo l’onda,
                  si spezza multiforme
                  come quel lontano autunno.
                  Quel ricordo raccolto da grumi di sangue sciolto.
                  Scivola sotto il cuore il dolore sottovento,
                  l’arteria volteggia legata al relitto
                  sbattendo il calore del ricordo
                  sulla follia di quella schiuma
                  infrangendo col mare in tempesta
                  quel letto vuoto
                  
                  *
                  
                  Vivide luci
                  Incorniciano di giallo
                  Il collo della costa.
                  Una cerniera dorata si incammina
                  per tutta la lunghezza dei tuoi occhi
                  fino al cielo,al cielo dei tuoi occhi verdi.
                  In mare si accendono le lampare
                  Il silenzio è tale che i flutti
                  Si impadroniscono della mia anima,
                  della mia vita,
                  Si impadroniscono dei miei piedi,
                  Schizzando schiuma divina
                  All’apice della mia pelle
                  Stretto dal sale ,illuminato dalla luna;
                  porgo il diario,quello scritto dalle pieghe
                  dei rivoli del fiume in piena
                  che piangendo affuisce al mare
                  padre e madre di ogni inconscio movimento
                  quando turbina e irritato ti chiama a sé
                  come il fiume che timidamente
                  si avvicina per essere fagocitato
                  senza lasciare traccia.
                  
                  *


 

                  LUIGI GIORDANO

                  

                  E ti chiedi :

                  di fronte alle fotografie più belle

                  sei dunque tu?

                  ogni pagina che voltavo

                  dalle narici si inerpicava fino al cuore

                  la mandragola.

                  Come un carro nel fango

                  percorrevo con l’aiuto d’un bastone di castagno

                  il sentiero del nulla

                  sprofondando col peso della mia zavorra

                  nella terra .

                  niente di tutto questo ero

                  e niente di tutto questo sono

                  sono solo una flebile luce nell’universo

                  della mia coscienza

                  seppellito nel mio spirito .

                  

                  *

                  

                  L’ombra del sogno

                  infrangiti con tutto il tuo alito

                  sulla fronte di questa costa ,

                  schiumeggia sul porto dalle labbra aperte

                  accogli sapiente e vorace il frutto

                  del mio sogno.

                  Dammi il doppio di quello che io ho dato a te,

                  dall’ombra ,dal giorno, dalla notte.

                  circondami onda rumorosa e avida,

                  al tuo risucchio

                  lascia gli urti delle pietre alle mie orecchie,

                  lascia il miagolio dei gatti all’angiporto,

                  lascia che ancora una volta io

                  come allora salga su in alto

                  sul vertice dell’ombra

                  ancora innevata e possa immedesimarmi in te

                  vortice allusivo e uscirne catapultato

                  in ginocchio sulla riva di così tanto sogno

                  a baciarti sulla fronte.

                  

                  *

                  

                  DUE MONDI

                  

                  La pioggia ride sul vetro,

                  non ha più il coraggio di bussare,

                  il freddo ha congelato le tracce

                  una finestra divide due mondi.

                  La luce d’una lampada

                  sospira sul servo che disperde

                  Gli ultimi fogli alla morbida fiamma

                  Addio agli ultimi ricordi in un grigio fumo

                  In occhi che schiudono lacrime

                  mentre la lampada ingoia il buio

                  facendo apparire ancora una volta

                  Quel freddo vetro a dividere il mondo

                  

                  *

                  

                  LUCI E OMBRE

                  

                  Nasce dal basso

                  Dai piedi si alza sollevando la luce

                  Pochi attimi , e il buio te lo ritrovi negli occhi

                  A ogni sguardo l’alba portava al tramonto

                  E il tramonto portava l’alba sulle spalle

                  Rovesciandola sul mare

                  E ogni mattina moriva all’orizzonte

                  Prima ancora di nascere,malata

                  Si alzava fino allo zenit

                  Per scaldare gli oceani

                  Scivolando dietro i monti

                  Per i tuoi occhi

                  Rovescia i tuoi passi

                  Oltre le gambe

                  Vaga saltando la corda oltre i fotoni

                  Girala in senso esoterico

                  E allora l’ombra di Dio sarà la luce.

                  

                  *

                  

                  Grande anima

                  Camminava tra le reti

                  E le mareggiate del sangue

                  sulle pareti del cuore

                  Con amore portava

                  Garofani rossi

                  Pensando fossero rose

                  E dagli occhi di lei scendevano lacrime di gioia.

                  

                  *

                  

                  Siamo un po’ come quelle anime

                  Che non trovano posto sulla terra

                  Allora aspettano nel cielo,

                  e per passare l’attesa

                  A volte si siedono accanto a noi.

                  Sono quelle anime che hanno perso

                  L’amore

                  e così cercano un corpo

                  Da abbracciare

                  

                  ^

                  

                  La luce scivola sull’acqua

                  Come fosse quella pietra piatta

                  Che vigoroso lanciavi

                  Facendola saltellare come un delfino

                  Tra un’onda e l’altra ,

                  percorrendo il giro del cuore

                  di tuo figlio nell’emozione più grande

                  di quella pagina di luce bianca

                  che il faro stava scrivendo

                  per tenerlo sempre nel ricordo

                  della tua ragione nell’avventura di quel percorso

                  che dura meno di cento anni.

                  

                  *

                  

                  PSICHE

                  

                  Laggiù , sull’acqua, qualcosa palpitava

                  sembrava una farfalla gialla

                  tra schizzi di diamanti .

                  Molte altre volte ho pensato

                  a quelle ali gialle bordate di nero

                  come calici sul velluto.

                  Avessi potuto conoscerti prima

                  mi sarei tuffato in quel mare azzurro

                  dove ti ho conosciuta la prima volta,

                  quante domande ti avrei fatto

                  ora ti vedo solo in sogno

                  e nei tuoi viaggi astrali

                  quando lasci il mio corpo alla luce del camino.

                  

                  *

                  

                  ATTESA

                  

                  Le foglie aspettano il vento

                  Per nascondersi negli anfratti più remoti

                  E poi lasciarsi morire .

                  Sono un po’ come quelle anime stanche

                  Che si staccano dal corpo.

                  Come le foglie dagli alberi.

                  Solo che al contrario di queste,

                  Loro, non sanno dove andare,

                  allora seduti sui marmi

                  aspettano i loro cari.

                  

                  *

                  

                  UNA GIORNATA

                  

                  Io sogno, e nel sogno il cielo

                  è come uno zoppo

                  che trascina un velo sbiadito

                  tra noi e le stelle

                  e gli ulivi sembrano ancor più

                  nodosi e curvi.

                  E i fiori, quei fiori gialli e rossi,

                  non sopportano più

                  d’aver perso il profumo,

                  allora il peso del dolore è troppo,

                  così, lo stelo si curva, perdendo i petali

                  sulla terra.

5.gif